La Sir vince 3-0 contro il Consar Ravenna e resta capolista

Sir Safety Conad Perugia – Consar Ravenna 7° giornata di Superlega

 
Chiama o scrivi in redazione


La Sir vince 3-0 contro il Consar Ravenna e resta capolista

 

 

 

di Alessandra Valentini

La capolista Sir ha ospitato domenica 25 la Consar Ravenna nona in classifica nella settima giornata di andata del campionato e resta salda in cima alla classifica per un 3-0. Ventuno i precedenti incontri tra le due squadre in cui hanno avuto la meglio i Block Devils con 18 vittorie contro le 3 della Consar. L’ultimo confronto è stato il 16 febbraio scorso a Ravenna con la vittoria del Perugia.

Una Perugia incredibile che riesce a battere il Ravenna anche in un giorno difficile, senza Ricci e Solè, con Atanasijevic non utilizzabile e con l’assenza dell’ultimo minuto di Colaci, i Block Devis tirano fuori gli attributi ed una grande prestazione di squadra gettandosi alle spalle una settimana davvero dura, piegando in tre set la Consar e restando così in vetta alla classifica di Superlega. Ottimi Biglino e Piccinelli, mantello da Superman per l’Mvp Leon.

La Sir Safety Conad Perugia batte la Consar Ravenna al termine di una settimana davvero difficile, con i casi di positività al Covid-19 a minare la serenità dell’ambiente, lo fa gettandosi alle spalle quattro giorni di timori e senza allenamenti, lo fa sopperendo con cuore, carattere ed uno spirito di squadra invidiabile alle defezioni di Ricci e Solè, alla mancanza di Atanasijevic al forfait dell’ultimo minuto di Max Colaci.

Un applauso ai ragazzi di coach Heynen che tengono la concentrazione, si compattano ancora di più se possibile, mettono tutte le energie mentali e nervose sul taraflex del PalaBarton ed alla fine si sciolgono in un’esultanza vera insieme ai 197 di Pian di Massiano.
C’è la parte emotiva e tecnica di un sestetto che gioca alla grande per due set abbondanti, che attacca con percentuali clamorose (78% addirittura nel primo parziale), che in fase break è un orologio e che sbaglia pochissimo. Il terzo set è invece combattuto ed equilibrato, con Ravenna che non molla spinta da Recine, con Perugia che non molla ugualmente. Ai vantaggi decide un fallo di formazione di Pinali ed è vittoria bianconera.

Oggi il vero Mvp è la squadra, ma il riconoscimento se lo prende un monumentale Leon con 2 ace, 3 muri ed il 69% sotto rete ma giocano bene tutti davvero, da Russo e Plotnytskyi, da Ter Horst e Travica che in regia non sbaglia una scelta una, da Zimmermann a Sossenheimer e Vernon-Evans che entrano per pochi scampoli a dare il loro prezioso contributo. L’applauso più grande però va a Biglino e Piccinelli, perché sostituire dei compagni all’ultimo momento (all’ultimissimo nel caso del libero classe ’97) e farlo con la loro qualità e la loro prestazione è davvero da standing ovation.

Starting six: 4 Dragan Travica, 5 Thijs Ter Horst, 8 Omar Biglino, 9 Wilfredo Leon, 12 Roberto Russo, 17, Oleh Plotnyskyi, libero 1 Alessandro Piccinelli.

 

Il match

Con Ricci e Solè out e con Atanasijevic ancora non pronto all’utilizzo, Heynen deve fare a meno all’ultimo minuto anche di Colaci. Formazione quindi obbligata con Russo e Biglino centrali e Piccinelli libero.

Set 1

Perugia si porta subito in vantaggio che riesce a mantenere grazie alla sinergia di squadra che funziona benissimo e si vede sia in battuta, che a muro e in attacco, tanto che la Sir si aggiudica il set senza troppi problemi con il punto del 25-18 grazie all’ACE di Leon. Si parte con grande equilibrio spezzato dal contrattacco di Plotnytskyi (5-3). Ace di Russo, poi Plotnytskyi (8-4). Ter Horst si infila nel muro romagnolo, poi è vincente il muro bianconero (12-7). La Consar cerca il rientro, Travica mantiene quattro lunghezze di vantaggio per i suoi (16-12). Magia di Plotnytskyi, poi pipe di Leon (18-12). Due in fila di Recine accorciano (18-14), Plotnytskyi e il muro di Leon ristabiliscono (20-14). Primo tempo in contrattacco di Russo (22-15). Plotnytskyi porta Perugia al set point (24-18). Chiude subito l’ace di Leon (25-18).

Set 2

Il secondo set inizia con un ACE di Oleh Plotnyskyi, ma il Ravenna guadagna un piccolo vantaggio subito recuperato grazie alle schiacciate e gli ACE di Leon e dalle azioni di tutta la squadra. La Consar tira fuori la grinta e attacca con più grinta ma la Sir padroneggia il gioco con scambi magistrali e mantiene il vantaggio nonostante i tre Ace consecutivi di Pinali, chiudendo il set a 25-20. Si riparte nel secondo set con il classico punto a punto e con Leon che firma quello che 5-5. Mette anche l’ace l’asso caraibico, poi super colpo di Plotnytskyi (7-5). Perugia prova ad allungare con l’ace di Plotnytskyi (12-8). Russo chiude il primo tempo dopo un lungo scambio (16-11). Recine non ci sta (16-13), Travica rimette a +5 i suoi (18-13). A segno anche Biglino da posto tre (20-14). Ancora Russo, due volte di fila, sempre con il gioco al centro per il set point Perugia (24-16). Pinali trova una bella serie dai nove metri con tre ace consecutivi (24-20). Il quarto esce di poco e propizia il raddoppio bianconero (25-20).

Set 3

Il set vede il primo punto segnato dalla Consar subito recuperato dalla Sir ma che vede poi le squadre andare avanti punto a punto fino al 6-5, quando la Sir riprende vantaggio grazie al punto di Oleh seguito da un ACE di Roberto Russo ma, la Consar cerca comunque di restare al passo e non concede grandi distacchi. Va avanti punto a punto il set con dimostrazioni di bravura di entrambe le squadre: la Sir a cui siamo abituati e una Consar che sembra finalmente entrata in gioco. E’ solo sul 20-20 che il Ravenna riesce a pareggiare ma Russo riporta il Perugia in vantaggio di un punto subito ripreso da Recine della Consar. E’ Pinali che porta il Ravenna in vantaggio di un punto, subito perso grazie alla schiacciata di Oleh Plotnytskyi e al muro del Perugia che portano il punteggio a 23-22 ma il set finisce solo sul 26-24 con la battuta di Plotnyskyi. Terzo set con grande equilibrio in avvio (4-4). Ace di Russo, con la fattiva collaborazione del nastro (7-5). Non passa il pallonetto di Pinali (11-8). È sempre Recine a suonare la carica per Ravenna (12-11). Leon tiene l’attacco in questa fase, poi ancora un contrattacco a terra in primo tempo di Biglino (16-13). Out Plotnytskyi, la Consar è ancora a contatto (16-15). Sono sempre Leon da una parte e Recine dall’altra (18-17). Muro di Pinali e parità a quota 20. Russo non sbaglia in primo tempo (21-20). Recine pareggia in pipe (21-21). Ace di Pinali, sorpasso Ravenna (21-22). Plotnytskyi sulle mani del muro avversario (22-22). Il muro di Ter Horst capovolge (23-22). Ancora Ter Horst in contrattacco, match point Perugia (24-22). Pinali molto bene da seconda linea (24-23). Mengozzi allunga il set ai vantaggi (24-24). Biglino chiude il primo tempo (25-24). Il fallo di formazione di Pinali regala la vittoria ai Block Devils (26-24).

Questo periodo con le sue limitazioni rende tutto diverso dallo spettacolo a cui siamo abituati, quello con una Sir combattiva e un Palabarton pieno e festoso, con tantissimi Sirmaniaci a sostenere la squadra, oggi solo 197 persone sono dentro il palazzetto e i pochi Sirmaniaci presenti pur limitati, cercano in tutti i modi di far sentire la loro presenza alla squadra cantando a squarciagola anche con la mascherina. Delusione dei tifosi alla notizia che dalla prossima partita, gli incontri si svolgeranno a porte chiuse. 

  • I Commenti
    Thijs Ter Horst (Sir Safety Conad Perugia): “È stata una settimana dura e molto complicata per noi. Penso che abbiamo dimostrato che siamo una squadra vera, anche se ci mancavano alcuni nostri compagni, spingendo tutti insieme dal primo all’ultimo punto”.
    Omar Biglino (Sir safety Conad Perugia): “Ho cercato di dare il mio contributo in un momento di difficoltà, sono contento e molto felice perché ho sentito la fiducia dei miei compagni. Abbiamo giocato bene tutti, siamo stati una squadra e ci prendiamo una vittoria importante in un momento certamente difficile”.Il Tabellino

 

  • Il Tabellino
    SIR SAFETY CONAD PERUGIA – CONSAR RAVENNA 3-0
    Parziali: 25-18, 25-20, 26-24
    SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Travica 2, Ter Horst 9, Russo 10, Biglino 6, Leon 23, Plotnytskyi 13, Piccinelli (libero), Sossenheimer, Zimmermann, Vernon-Evans. N.e.: Atanasijevic. All. Heynen, vice all Fontana.
    CONSAR RAVENNA: Redwitz, Pinali 14, Mengozzi 7, Grozdanov 4, Recine 14, Loeppky 3, Kovacic (libero), Giuliani (libero), Zonca, Batak, Koppers 5. N.e.: Pirazzoli, Grottoli, Rossi. All. Bonitta, vice all. Bologna.
    Arbitri: Massimiliano Giardini – Massimo Florian
    LE CIFRE – PERUGIA: 11 b.s., 6 ace, 45% ric. pos., 16% ric. prf., 67% att., 5 muri. RAVENNA: 8 b.s., 4 ace, 47% ric. pos., 10% ric. prf., 54% att., 6 muri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*