Finalmente! Interventi su aree verdi, effetto Numerini Ponte San Giovanni ringrazia

Finalmente! Interventi su aree verdi, Ponte San Giovanni ringrazia
Otello Numerini

Finalmente! Interventi su aree verdi, Ponte San Giovanni ringrazia

Piacevoli sorprese a Ponte San Giovanni, ma non solo qui, per una maggiore attenzione da parte dell’Amministrazione comunale all’erba cresciuta ad occhiate sulle rotatorie e lungo le vie di accesso e quelle interne al paese. In via Bixio, in via Adriatica, via Manzoni, via Pieve di campo, percorsi pedonali come quello tra via Primavera e via Stoppani si può parlare proprio di “effetto Numerini” riferendosi al neo assessore Otello Numerini, con numerose responsabilità nel suo “portafoglio”, subito attento alle segnalazioni di cittadini e di associazioni per la cura del territorio, e non solo, in riferimento alla crescita invasiva dell’erba e dei cespugli favoriti, quest’anno, dall’alternanza continua di sole e pioggia.

L’osservazione viene dai cittadini che vedono “rasati” marciapiedi e spartitraffico, viene dalla Pro Ponte già impegnata nella cura di alcune aree con la collaborazione e la disponibilità di alcune aziende ponteggiane per qualche intervento diretto o per la fornitura, gratuita (in questo caso all’associazione presieduta da Antonello Palmerini) di alcune attrezzature semplici ma utili al taglio dell’erba e alla cura dei marciapiedi.

Un dialogo tra cittadini e amministratori di cui trae beneficio l’aspetto di una località (ma non vogliamo parlare solo di Ponte San Giovanni) identificata ormai come città etrusca dei Velimna: una delle porte principali di accesso a Perugia.

Numerini, già come consigliere comunale, più volte ha risposto con la sua presenza a verificare segnalazioni di cittadini e  associazioni per le buche e il dissesto delle strade, per i problemi dei cimiteri, per la sicurezza della viabilità e la cura del verde: indispensabile, quest’ultima, per l’aspetto dei luoghi ma anche per la salute di chi vi abita.

 

23.7.19

gino goti 338.2598727

Commenta per primo

Rispondi