Vincolo totale sul cinema teatro Verdi, Michele Rossi, è assurdo

Terni senza teatro, questa è la principale emergenza culturale della città

Vincolo totale sul cinema teatro Verdi, Michele Rossi, è assurdo

“Il vincolo totale sul teatro cinema Verdì – dichiara il capogruppo di Terni Civica Michele Rossi – è l’ennesimo assurdo della precedente amministrazione. Nel 2015 è stato richiesto dall’allora giunta che oltretutto non si è degnata di comunicarlo alla città nel frattempo impegnata nel dibattito in merito al rifacimento del Poletti. Una ricostruzione che, con quel vincolo saltato fuori ora, è impossibile realizzare.

Certamente visti i costi dell’operazione e le condizioni di dissesto dell’Ente comunaleMi domando per quale motivo è stato chiesto un provvedimento così restrittivo sapendo che questo avrebbe bloccato qualsiasi nuova idea progettuale, obbligando la città a ternersi il Verdi ricostruito, in un’ottica di cinema teatro, nel Dopoguerra.

Perché poi tenere nascosto questo provvedimento amministrativo, continuando invece ad alimentare il dibattito tra polettiani e modernisti. Ora alla nuova amministrazione comunale anche il gravoso compito di convincere la Soprintendenza ad rivedere il vincolo, limitandolo alle parti veramente di pregio dell’edificio, quelle  risparmiate dai devastanti bombardamenti, come il pronao.

E’ questo il primo passo per consentire una progettazione di qualità, per dare a Terni il suo teatro, nella forma, nella funzionalità, nella bellezza che si merita una grande città. L’ennesima battaglia che porteremo avanti”.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
28 − 16 =