Continua il potenziamento dell’ospedale di Branca, Gubbio – Gualdo Tadino

 
Chiama o scrivi in redazione


Continua il potenziamento dell'ospedale di Branca, Gubbio – Gualdo Tadino

Continua il potenziamento dell’ospedale di Branca, Gubbio – Gualdo Tadino Il consigliere regionale Andrea Smacchi (Pd) esprime soddisfazione per “il continuo potenziamento dell’ospedale di Gubbio–Gualdo Tadino” ricordando che “dal primo luglio ci sarà un nuovo responsabile e una nuova organizzazione dell’organico del pronto soccorso”. Per Smacchi “l’ospedale è sempre più una struttura all’avanguardia, collocata in un luogo strategico, che assicura validi contenuti medico-sanitari, con un rapporto costi-qualità dell’assistenza sanitaria ottimale”. “Continua il potenziamento dell’ospedale di Gubbio – Gualdo Tadino”. È quanto dichiara il consigliere regionale Andrea Smacchi (Pd) ricordando come “dal primo luglio ci sarà un nuovo responsabile e una nuova organizzazione dell’organico del pronto soccorso”.

LEGGI ANCHE: Ospedale di Branca, nuova sede per le cure palliative e nuovo Pronto Soccorso

“All’ospedale di Branca – prosegue Smacchi – continuano le azioni volte ad implementare e potenziare le risposte alle esigenze sanitarie della popolazione residente e di quella che sempre più numerosa si sposta da altri comprensori, in particolare dal Perugino e del Fabrianese. Nell’ultimo anno, in particolare, sono aumentate le prestazioni erogate con una previsione e un trend in forte crescita grazie alla forte attrattività del nosocomio per la qualità e la professionalità degli operatori che ci lavorano e grazie ad una serie di interventi attuati o in via di realizzazione sempre più rispondenti alle richieste dei nostri cittadini. In questo quadro sono stati deliberati una serie di interventi volti a migliorare la qualità e il numero delle prestazioni, attraverso un adeguamento e un ammodernamento di strutture e reparti, nuovi strumenti e macchinari, sino all’arrivo di nuovo personale”.

Si potenzierà la diagnostica in settori chiave

“Gli interventi sui macchinari – continua Smacchi – potenzieranno la diagnostica in settori chiave come l’elettrofisiologia cardiologica, l’odontoiatria speciale, l’endoscopia in sedazione. Quelli strutturali, invece, hanno come obiettivo quello di aumentare la capacità di posti letto sia per il reparto di rianimazione, che passerà da 6 ad 8, sia per il reparto di medicina, con ulteriori 8 nuovi posti letto e con l’assunzione di 6 infermieri aggiuntivi.

Da luglio saranno ristrutturati i locali nei reparti di ostetricia, pediatria e del centro regionale di fibrosi cistica. Tutte queste opere di ammodernamento consentiranno di far fronte all’incremento dell’attività, soprattutto per i casi particolarmente complessi. Oltre questi importanti interventi strutturali e di aumento degli organici, la novità importante è che verrà implementato e riorganizzato il servizio del pronto soccorso, fondamentale per l’ospedale in quanto, nel corso degli ultimi anni, sono aumentati notevolmente gli accessi da parte dei residenti dei territori limitrofi in conseguenza di una migliore viabilità sia sul versante perugino che su quello marchigiano.

Nuovo responsabile del Pronto Soccorso

Dal primo luglio inizierà la sua attività il nuovo responsabile del Pronto Soccorso, scelto questa volta tra uno degli specialisti interni, il quale avrà il compito di dare una migliore organizzazione ad un reparto strategico sia per le cure dirette di chi vi si reca giornalmente, sia per la funzionalità dell’intera struttura sanitaria”.

“Stiamo continuando a lavorare – conclude Smacchi – per fare dell’ospedale di Gubbio -Gualdo Tadinouna struttura ospedaliera sempre più all’avanguardia, collocata in un luogo strategico, anche alla luce del nuovo assetto di viabilità.

Una struttura in grado di assicurare alla popolazione di un’area sempre più vasta un presidio dai validi contenuti medico-sanitari, in grado di rispondere alle sfide della modernità e ai bisogni dei cittadini, con un rapporto costi-qualità dell’assistenza sanitaria ottimale, anche rispetto agli altri presidi ospedalieri dell’Umbria”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*