Rapina a Ponte San Giovanni, CasaPound, è zona franca per il crimine

ci dispiace essere stati dei profeti, ma questa è la situazione Ponteggiana

Simone Di Stefano candidato premier sfida Paolo Gentiloni
simone di stefano

Rapina a Ponte San Giovanni, CasaPound, è zona franca per il crimine

da Antonio Ribecco
Perugia 23 dicembre – “Dopo la rapina a mano armata e a volto scoperto in via Manzoni alle otto di sera di ieri ci dispiace essere stati dei profeti, ma questa è la situazione di Ponte San Giovanni – dichiara Antonio Ribecco, responsabile di CasaPound a Perugia – e le modalità dell’atto criminale dimostrano sempre più il vero volto del problema sicurezza non dando certo ragione alle fantasticherie dipinte da Anpi , Pd e Cgil e le fantomatiche associazioni di quartiere che pur di dar contro alla nostra manifestazione hanno descritto un quartiere senza problemi e dove a loro detta andrebbe tutto bene.”
Dopo il nostro corteo che ha portato alla luce i problemi del territorio – conclude Ribecco – saremo a fianco dei cittadini che stanno costituendo un comitato di quartiere e siamo pronti a scendere in strada ogni sera con loro a vigilare, intanto  chiediamo un tavolo con questura e amministrazione comunale per dare risposte concrete alla cittadinanza che vive una situazione di insicurezza quotidiana”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*