Forza Nuova contro Arci, l’Arci si sta pappando Gualdo Tadino

 
Chiama o scrivi in redazione


Scoperto il vaso di Pandora, Forza Nuova Perugia: «Marini dimettiti»

Forza Nuova contro Arci, l’Arci si sta pappando Gualdo Tadino Ecco perché i militanti forzanovisti nella serata di martedì hanno esposto alcune locandine in giro per la città. Il motivo della protesta di Forza Nuova è semplice: Arci, associazione di estrema sinistra, comanda la città. Non solo questa ha importato un centinaio di clandestini a Gualdo, con la complicità dell’amministrazione, da cui trae notevoli proventi, ma ora queste persone tengono lezioni nelle classi,condizionando in modo pesante le giovani menti degli studenti. Tuttavia alla voracità di questa associazione, che si arricchisce con il business dell’ accoglienza, non sembrano esserci limiti.

Notizia di questi giorni è che l’ Arci intende acquisire e riaprire un locale della “movida” gualdese. Per nulla difficile risulta immaginare che i posti di lavoro all’ interno del locale verranno tutti occupati dai sedicenti profughi. Aveva proprio ragione il sindaco Presciutti quando diceva che Gualdo è un modello di accoglienza.

LEGGI ANCHE: Basta politiche anti italiane, Forza Nuova, grave indottrinamento a Gualdo

Si un modello folle. In cui Arci prende migliaia di euro di finanziamento pubblico ogni anno e crea posti di lavoro per dei clandestini, che non hanno alcun diritto di stare in Italia, nel mentre le attività dei gualdesi chiudono, soffocate dalla crisi economica e dalle tasse. Infine un dato politico. Il referente di Arci a Gualdo è un esponente di Rifondazione Comunista, già assessore nelle passate amministrazioni comuniste. Amministrazioni dai grandi meriti, come quelli di far chiudere l’ospedale cittadino e svendere le fonti della Rocchetta.

Ebbene, al di là di tenere lezioni in classe, il referente rifondarlo comanda l’ amministrazione. Ogni iniziativa Arci infatti ha il sostegno e l’avallo della maggioranza.

Peccato però che il referente non sieda, per volere popolare, da oramai dieci anni in consiglio comunale. Quando si dice : “Essere cacciati dalla porta e ritornare dalla finestra”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*