Cetorelli, Lega Foligno, misure più efficaci a tutela dei cittadini folignati

 
Chiama o scrivi in redazione


Cetorelli, Lega Foligno, misure più efficaci a tutela dei cittadini folignati

Cetorelli, Lega Foligno, misure più efficaci a tutela dei cittadini folignati

Molti cittadini folignati versano in uno stato di bisogno, è necessario tornare a parlare al più presto del regolamento dei contributi economici a sostegno di nuclei familiari che sembra ormai disperso nelle sabbie mobili della III Commissione”. Il consigliere comunale della Lega di Foligno, Agostino Cetorelli, attraverso un’interrogazione urgente, ha chiesto chiarimenti a tal riguardo a sindaco e giunta, proponendo misure più efficaci a sostegno dei cittadini che hanno contribuito al benessere della comunità e allo sviluppo del territorio.

I dati statistici parlano di 1 folignate su 4 con reddito inferiore a 10mila euro – spiega il consigliere Cetorelli – ecco perché a mio avviso c’è urgenza di convocare la Terza commissione consiliare e tornare a discutere di questo regolamento.

Inammissibile, tra l’altro, la proposta della maggioranza di ridurre il criterio del requisito di residenza a soli 6 mesi per poter accedere al contributo.

Oltre ad essere impraticabile dal punto di vista finanziario, si tratta di un espediente che andrebbe a ledere i diritti della comunità folignate. Come Lega di Foligno, ho richiesto, nel corso del dibattito in commissione, un provvedimento inverso, mirato ad aumentare il criterio di anni di residenza nel Comune, nella logica di voler premiare chi ha dimostrato un attaccamento alla comunità in cui vive e di avere già manifestato un forte grado di integrazione, oltre ad aver contribuito al benessere e alla prosperità del comune di Foligno, pagando imposte e tasse.

Un intervento in materia – prosegue il consigliere leghista – risulta essere urgente, visti i dati allarmanti riguardo alla povertà dei cittadini a Foligno, cresciuta in maniera esponenziale da alcuni anni a questa parte. Stiamo attendendo dalla scorsa primavera che il presidente convochi di nuovo la III commissione consiliare sull’argomento, ma ora non è più tempo di aspettare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*