Neonato morto, molte cose non tornano, avvocato madre insultato sui social

Neonato morto, molte cose non tornano, avvocato madre insultato sui social
Nella foto il parcheggio dove fu trovato il neonato e l'avvocato della donna

Neonato morto, molte cose non tornano, avvocato madre insultato sui social. I genitori e la sorella della 27enne ternana, la madre del neonato abbandonato e poi trovato morto, sono stati ascoltati perché molte cose non tornano. La procura continua a marcare stretto il compagno albanese con il quale la ternana convive da due anni in un appartamento del quartiere Sant’Agnese. Sono passati cinque giorni e non c’è alcun passo in avanti. La madre è indagata per infanticidio ma rimane in stato di libertà malgrado la confessione piena e l’autopsia che conferma come il piccolo fosse vivo quando è stato abbandonato giovedì nel parcheggio di un supermercato. La donna si trova in una struttura protetta insieme alla sorella ed all’altra figlia di due anni.

LEGGI ANCHE: Neonato morto, basta insulti a legale della madre 27enne

Per la Procura, in particolare, pare inverosimile che il compagno non si sia accorto dello stato interessante e del parto della donna. Difficile pensare che dopo il parto la ragazza sofferente come niente fosse si sia fatta accompagnare per fare la spesa per poi abbandonare sacchetto della spesa con il bambino all’interno.

In attesa di qualche sviluppo, intanto, l’avvocato che difende la donna, Alessio Pressi, è stato minacciato ed insultato su Facebook. In molti chiedono che lasci l’incarico.

Il Comune di Terni si farà carico dei funerali del neonato. Le esequie non sono state fissate perché il corpicino è ancora a disposizione dell’autorità giudiziaria. Solo dopo il nulla osta della procura si potrà pensare all’ultimo saluto. Il neonato è stato riconosciuto formalmente dalla madre ma non ha ancora un nome e così il vescovo Giuseppe Piemontese lo ha voluto invece chiamare Francesco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*