Doveva accudire la mamma, ma incontrava l’amante, scoperto dagli 007

Doveva accudire la mamma, ma incontrava l’amante, scoperto dagli 007

Aveva dei giorni di permesso concessi dalla legge 104 per accudire la mamma gravemente malata, ma in quei giorni, però, non stava con l’anziana, ma si recava a Perugia, in casa dell’amante. Un impiegato di un’azienda di software della Valdichiana aretina è stato scoperto ed ha prima perso il posto di lavoro e poi ha dovuto fare i conti con la moglie che, scoprendo il rapporto segreto, ne ha chiesto il divorzio. La notizia è riportata in un articolo sulla Nazione Umbria a firma di Federico D’Ascoli.


Fonte: Nazione Umbria
articolo di Federico Ascoli


L’impiegato è stato pedinato – è scritto nel quotidiano – dagli 007 privati ingaggiati dall’azienda. Alla moglie diceva di essere a lavoro, ma in azienda ufficialmente risultava in permesso grazie alla legge 104,

L’uomo è stato avvistato a Perugia. L’uso della 104 andava avanti da almeno tre anni. Tanti al punto da far insospettire i titolari dell’azienda che di fronte a un’emergenza nel software aziendale lui si sarebbe rifiutato di risolvere il problema, perché a suo dire non poteva lasciare la madre da sola. Il titolare subito dopo la chiamata si è trovato a passare sotto casa della mamma malata. Ma l’auto del dipendente non è parcheggiata da nessuna parte, nei dintorni.

Il sospetto si è fatto sempre più grande e il titolare dell’azienda ha deciso di affidarsi ai detective privato per scoprire dove passava i giorni di permesso il dipendente. Gli investigatori si sono messi sulle tracce dell’informatico che lo hanno pedinato per alcuni giorni. Il dipendente in 104 prendeva la strada dell’Umbria per incontrare l’amante. Gli investigatori aretini hanno consegnato tutto il materiale all’azienda che ha messo il dipendente di fronte alle sue responsabilità.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*