Donna ustionata in ospedale, la famiglia chiede di andare fino in fondo

Donna ustionata in ospedale, la famiglia chiede di andare fino in fondo

Donna ustionata in ospedale, la famiglia chiede di andare fino in fondo

Ustioni provocate sull’ottanta per cento del proprio corpo dalle fiamme. La donna di 55 anni (Antonella R.) di Bastia Umbra non ce l’ha fatta. E’ morta ieri mattina all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, dopo essere stata trasferita dall’ospedale di Assisi a quello del capoluogo.

Il drammatico incidente è accaduto nella notte tra venerdì e sabato. La 55enne si trovata in ospedale ad Assisi, era ricoverata. Secondo la secondo la ricostruzione ufficiale, resa nota dalla Asl 1, le ustioni sull’80 per cento del corpo sarebbero state originate da una sigaretta che la donna avrebbe fumato un attimo prima sul terrazzo della sua camera di degenza.

Il marito della donna ha presentato denuncia al posto fisso di polizia dell’ospedale Santa Maria della Misericordia. I familiari della donna nel presentare la denuncia hanno espresso la volontà di sapere non solo come siano andate le cose ma anche come sia stato possibile che possa essersi procurata un’ustione così grave all’interno di un ospedale.

Le indagini sono affidate ai carabinieri di Assisi e coordinate dal pm Massimo Casucci. I militari sono chiamati a ricostruire nel dettaglio l’accaduto. I carabinieri diretti dal tenente colonnello Marco Vetrulli avrebbero ascoltato le versioni del personale medico e infermieristico presente al momento del fatto, per ricostruire i momenti immediatamente precedenti e successivi a quando si è verificato il terribile incidente. Accertamenti non facili. ma necessari. La donna, originaria di San Venanzo, viveva con il marito a Bastia Umbra, città nativa dell’uomo ed era ricoverata da metà ottobre a causa di una grave patologia.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
21 ⁄ 21 =