Coronavirus, gli 8 novizi positivi di Assisi stanno bene

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus Umbria, gli 8 novizi positivi di Assisi arrivano dalla Francia

Coronavirus, gli 8 novizi positivi di Assisi stanno bene

I casi riscontrati ieri in Umbria sono tutti di importazione. Dieci in un solo giorno, 8 ad Assisi, uno a Orvieto e un’altro a Terni, fanno tornare l’Umbria indietro di mesi. Gli 8 casi ad Assisi sono dei giovani frati, si tratta di 4 italiani, 2 francesi e 2 croati.

“La comunità del sacro convento di Assisi in merito ai casi di positività al Covid 19 riscontrato a 8 novizi, alloggiati nella struttura adiacente alla Basilica di San Francesco, procede nel suo cammino ordinario di accoglienza dei pellegrini e dei turisti. I giovani sono in isolamento e sono state applicate e prese tutte le procedure sanitarie, in totale sono 25 i novizi in isolamento. I ragazzi risultati positivi, provenienti da diverse parti del mondo, sono entrati a far parte del noviziato solo 5 giorni fa e non hanno avuto contatti con la comunità e i pellegrini. Le attività e la vita comunitaria continuerà con normalità in osservanza dei dispositivi previsti dalla legge e dal ministero della salute”. Lo ha reso noto il direttore della sala stampa del sacro convento di Assisi, padre Enzo Fortunato.

Il contagio sarebbe arrivato dalla Francia, perché i genitori di uno dei novizi infettativi sono risultati positivi al Covid-19 e che avrebbero accompagnato il figlio nei giorni scorsi. Alcuni religiosi entrati in contatto con i novizi sono stati sottoposti al tampone e sono risultati negativi, così come i frati del Sacro Convento.

Gli altri due vengono registrati a Terni e Orvieto. Quello di Terni è un ragazzo di 34 anni, di nazionalità nigeriana, residente a Terni. È risultato positivo al coronavirus in seguito a tampone rinofaringeo effettuato ieri, 7 agosto, dai medici dell’Usca di Terni. Il nuovo caso è stato individuato grazie all’indagine epidemiologica eseguita dallo staff diretto dalla dr.ssa Luisa Valsenti ed è collegato al contagio del ragazzo nigeriano di Amelia ricoverato attualmente all’ospedale di Terni. La trasmissione del virus è avvenuta in ambiente di lavoro, in una ditta edile. Il 34enne è asintomatico e si trova in isolamento domiciliare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*