Umbria +12,5%, maggiore spesa da +3.670 € a famiglia residente

Umbria +12,5%, maggiore spesa da +3.670 € a famiglia residente

Umbria +12,5%, maggiore spesa da +3.670 € a famiglia residente

Umbria – Sulla base dei dati definitivi dell’inflazione diffusi oggi dall’Istat, il Codacons ha stilato la classifica delle regioni dove i prezzi al dettaglio a novembre hanno registrato gli aumenti più pesanti.

Un incremento quello dei listini che ha effetti diversi sulle famiglie, a seconda della regione di residenza – spiega il Codacons – La spesa annua per consumi dei nuclei residenti, infatti, è fortemente diversificata sul territorio, con le famiglie del nord che spendono di più rispetto a quelle che vivono nel Mezzogiorno.

Questo significa che il tasso di inflazione ha effetti differenti sulle tasche dei consumatori. Considerata la crescita dei prezzi registrata dall’Istat a novembre nelle varie regioni, e senza considerare possibili tagli dei consumi da parte delle famiglie, il Codacons ha elaborato la classifica delle regioni italiane dove i listini al dettaglio crescono di più, e i conseguenti effetti sulla spesa dei nuclei residenti.

                              Inflazione maggiore spesa annua a famiglia

SICILIA                   14,3%         +3.462 euro

LIGURIA                 13,7%         +4.139 euro

SARDEGNA           13,6%         +3.616 euro

ABRUZZO              12,9%         +3.395 euro

UMBRIA                  12,5%        +3.670 euro

PUGLIA                   12,5%        +2.994 euro

EMILIA ROMAGNA 12,4%        +4.325 euro

TOSCANA              12,0%         +4.208 euro

TRENTINO A.A.      11,8%        +4.236 euro

ITALIA                 11,8%      +3.625 EURO

VENETO                 11,6%         +3.731 euro

MOLISE                   11,4%         +2.970 euro

PIEMONTE              11,3%         +3.502 euro

CALABRIA               11,2%         +2.686 euro

MARCHE                 11,2%         +3.229 euro

LOMBARDIA            11,2%         +3.985 euro

CAMPANIA              11,2%         +2.686 euro

FRIULI V.G.             11,0%        +3.446 euro

LAZIO                      10,9%         +3.635 euro

BASILICATA             9,1%          +2.187 euro

VALLE D’AOSTA      8,7%          +2.929 euro

L’Istat ha resi noti oggi i dati dell’inflazione di novembre delle regioni e di TUTTE le città monitorate, in base ai quali l’Unione Nazionale Consumatori ha stilato la classifica delle città delle regioni più care d’Italia, in termini di aumento del costo della vita.

 

In testa alla classifica dei capoluoghi e delle città più care (Tabella n. 1), Bolzano dove l’inflazione pari a +12,3%, si traduce nella maggior spesa aggiuntiva, equivalente, in media, a 3269 euro su base annua. Al secondo posto Bologna, dove il rialzo dei prezzi del 13,1% determina un incremento di spesa annuo di un soffio inferiore, pari a 3268 euro per una famiglia media. Sul gradino più basso del podio Ravenna che con +13,5% ha una spesa supplementare pari a 3262 euro annui per una famiglia tipo.

Al quarto posto Milano (+12%, +3258 euro), poi Forlì Cesena (+13,3%, 3214 euro), Modena (+13%, 3142 euro), al settimo posto Varese (+11,7%, +3085 euro), segue Catania che ha l’inflazione più elevata d’Italia, +15,3%, pari a 3037 euro. Al nono posto Trento (+11,5%, 3010 euro). Chiude la top ten Piacenza, che con +12,4% è la prima città a scendere sotto i 3000 euro di maggiori costi (2997 euro).

 

La città più virtuosa d’Italia è Potenza, con un’inflazione del 9,2% e una spesa aggiuntiva per una famiglia tipo pari a “solo” 1817 euro. Medaglia d’argento per Catanzaro (+10,1%, +1886 euro), al 3° posto Reggio Calabria (+10,5%, +1961 euro).

Seguono, nella classifica delle risparmiose, Campobasso e Ancona entrambe con +2087 euro, al 6° posto Bari (+12,2%, +2117 euro), poi Aosta, la città con inflazione più bassa d’Italia, +8,6% (+2129 euro), Caserta (+11%, 2140 euro) e Ascoli Piceno (+11,4%, +2154 euro).  Chiude la top ten delle città migliori, Brindisi (+13,1%, +2171 euro).

 

In testa alla classifica delle regioni più “costose” (Tabella n. 2), con un’inflazione annua a +11,8%, il Trentino che registra a famiglia un aggravio medio pari a 3066 euro su base annua. Segue l’Emilia Romagna, dove la crescita dei prezzi del 12,4% implica un’impennata del costo della vita pari a 2949 euro, terza la Lombardia, +11,2%, con un rincaro annuo di 2910 euro.

La regione più risparmiosa è la Basilicata, +9,1%, pari a 1762 euro, seguita dalla Puglia (+12,5%, +2024 euro). Medaglia di Bronzo per la Calabria (+11,2%, +2049 euro). La Valle d’Aosta ha, invece, l’inflazione più bassa (+8,7%, +2153 euro).

 

Tabella n. 1: Classifica completa delle città più care, in termini di spesa aggiuntiva annua

N Città Rincaro annuo per la famiglia media

(in euro)

Inflazione

annua di novembre

1 Bolzano 3269 12,3
2 Bologna 3268 13,1
3 Ravenna 3262 13,5
4 Milano 3258 12
5 Forlì-Cesena 3214 13,3
6 Modena 3142 13
7 Varese 3085 11,7
8 Catania 3037 15,3
9 Trento 3010 11,5
10 Piacenza 2997 12,4
11 Lecco 2970 11,7
12 Perugia 2964 12,9
13 Brescia 2953 11,2
14 Imperia 2945 14,7
15 Genova 2943 13,5
16 Pistoia 2930 13
17 Mantova 2919 11,5
18 Palermo 2918 14,7
19 Ferrara 2900 12
19 Rimini 2900 12
21 Firenze 2892 12,4
22 Cremona 2874 10,9
23 Grosseto 2863 12,7
24 La Spezia 2858 13,6
25 Reggio Emilia 2852 11,8
26 Pavia 2821 10,7
27 Padova 2816 12,1
27 Verona 2816 12,1
29 Massa-Carrara 2773 12,3
29 Siena 2773 12,3
31 Vicenza 2770 11,9
32 Teramo 2745 13,5
33 Arezzo 2728 12,1
34 Lodi 2716 10,7
35 Terni 2711 11,8
36 Treviso 2700 11,6
37 Parma 2682 11,1
38 Torino 2668 11,6
39 Como 2663 10,1
40 Venezia 2646 11
41 Bergamo 2637 10
42 Messina 2632 13,8
42 Pordenone 2622 11,3
44 Udine 2599 11,2
45 Pisa 2592 11,5
46 Siracusa 2575 13,5
47 Lucca 2570 11,4
  ITALIA 2565 11,8
48 Roma 2553 10,9
49 Livorno 2547 11,3
50 Trapani 2537 13,3
51 Alessandria 2533 11,4
52 Trieste 2530 10,9
53 Pescara 2521 12,4
54 Belluno 2496 11,2
55 Viterbo 2490 11
56 Cuneo 2444 11
57 Gorizia 2422 10,9
57 Novara 2422 10,9
59 Caltanissetta 2403 12,6
60 Rovigo 2397 10,3
61 Avellino 2334 12
61 Benevento 2334 12
63 Macerata 2305 12,2
64 Cosenza 2297 12,3
65 Biella 2293 10,8
66 Cagliari 2273 12,1
67 Vercelli 2272 10,7
68 Napoli 2266 11,2
69 Sassari 2196 12,2
70 Brindisi 2171 13,1
71 Ascoli Piceno 2154 11,4
72 Caserta 2140 11
73 Aosta 2129 8,6

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*