Saschia Soli, ho paura del futuro che mi attende e che attende mia figlia

I nostri anziani che muoiono se ne stanno andando portando via con loro la cultura, la saggezza...


Scrivi in redazione

Saschia Soli, ho paura del futuro che mi attende e che attende mia figlia

Saschia Soli, ho paura del futuro che mi attende e che attende mia figlia

di Saschia Soli*
Sono arrabbiata, anzi arrabbiatissima e penso si legga questo mio sentimento in ogni post che scrivo. Siamo in piena emergenza sanitaria, e ogni giorno il numero dei morti mi uccide un po’. Siamo ciechi, per la maggior parte, di fronte a quella che sarà la successiva morte annunciata, per tutti, dopo aver sconfitto, e speriamo presto, questo nemico invisibile, chiamato ora da tutti così ma che io mi pregio di aver definito tale circa 2 mesi fa.

L’italiano non vede il futuro e non ci pensa. Non si è capito che stiamo andando a fondo e che i nostri anziani che muoiono se ne stanno andando portando via con loro la cultura, la saggezza ma anche fonti di sostentamento, e lo dico soprattutto agli untori che dal nord sono ritornati dai loro cari al sud portando li la morte.

Ci si trincera ancora dietro i propri status quo, non capendo che dopo questa guerra in pochi potranno ostentare quello che erano prima. Le famiglie già soffrono. Le famiglie con più figli soffrono tantissimo.

I bimbi stanno a casa e con la didattica a distanza i genitori non riescono, non disponendo di più computer, a soddisfare le esigenze educative dei propri figli, e chissà se tra poco avranno i soldi per pagare le bollette della telefonia e dei servizi internet (mi chiedo ora dove è il popolo delle famiglie con le loro proposte sensazionali per le famiglie numerose e le madri casalinghe!!).

Ciò nonostante nei contesti dove mi muovo, mi riferisco alle “millemila chat” in cui sono inserita, vedo poca tensione verso i problemi altrui ma si insiste a perorare la causa propria. Ecco io sono la pecora nera, ma non per velleità di emergere, ma perché so che il più debole va aiutato sempre a prescindere e che domani nella categoria dei più deboli saremo sempre di più. Io donna, libera professionista, madre (non per rievocare la Meloni a cui lascio tutti i diritti di autore) ho paura e ho paura del futuro che mi attende e che attende mia figlia.

Si legge che chi subirà di più la certa crisi economica, conseguente a questa guerra infame, saranno proprio le donne che da sempre sono in posizione cadetta, nonostante ci vengano riconosciute le pari opportunità.
*Avvocato

1 Trackback / Pingback

  1. La rubrica dell'avvocato Saschia Soli, consigli al tempo del Covid-19

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*