Sanità, Idi: soggetti allergici sviluppano forma meno grave covid-19

 
Chiama o scrivi in redazione


Sanità, Idi: soggetti allergici sviluppano forma meno grave covid-19
ph repubblica

Sanità, Idi: soggetti allergici sviluppano forma meno grave covid-19

“Uno studio multicentrico coordinato da Enrico Scala (IDI-IRCCS – FLMM, Roma) e Riccardo Asero (Clinica San Carlo, Paderno Dugnano – Milano), ha dimostrato che, tra i pazienti ospedalizzati per Covid-19, i soggetti allergici sviluppano una forma meno grave di malattia. L’articolo e’ stato pubblicato su Allergy, la rivista scientifica dell’Accademia Europea di Allergologia e Immunologia”. Lo comunica, in una nota, l’Idi.

L’infezione da SARS-CoV-2, si legge, puo’ indurre un ampio spettro di conseguenze che vanno dall’infezione asintomatica a forme di polmonite estrememente grave. In alcuni casi viene indotta una cosiddetta; tempesta citochinica, cui segue un vera e propria auto-aggressione del sistema immunitario, con produzione di elevatissimi livelli, tra gli altri, di IL-6, in grado di generare una sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) ed una insufficienza multiorgano, il cui risultato finale e’ la morte. I pazienti allergici sono geneticamente predisposti a generare una risposta immuno-mediata di tipo differente: Th2.

Questa risposta non implica l’espressione delle principali citochine coinvolte nell’ARDS. Abbiamo pertanto ipotizzato che i pazienti allergici potrebbero essere meno inclini all’infezione da SARS-CoV-2 e/o potrebbero avere un’infezione da SARS-CoV-2 meno grave. Abbiamo percio’ studiato retrospettivamente piu’ di 500 pazienti ricoverati tra Marzo e Aprile scorso nei principali ospedali del Nord Italia, dimostrando che, effettivamente, i soggetti atopici avevano un’incidenza significativamente minore di polmonite grave o molto grave indotta da SARS-CoV-2 (33,3% vs 67,7% nei pazienti non allergici).

L’effetto protettivo dello stato atopico non dipendeva dall’eta’ o dal sesso dei pazienti ne’ dalla presenza di altri cofattori, come il fumo di sigaretta, la malattia coronarica, il diabete, la trombosi o l’ipertensione. L’evidenza clinica rende pertanto verosimile la nostra ipotesi iniziale, suggerendo che la predisposizione ad una risposta immunitaria Th2 potrebbe aiutare ad evitare la tempesta citochinica osservata nei casi piu’ gravi di Covid-19.

La ricerca e’ stata realizzata dai clinici dell’IDI-IRCCS: Enrico Scala, Damiano Abeni, Mauro Giani e Antonio Sgadari, in collaborazione con Alberto Tedeschi e Francesca Saltalamacchia (Ospedale Bolognini ASST, Bergamo), Giuseppina Manzotti (Casa di Cura Palazzolo, Bergamo), Baoran Yang (ASST Carlo Poma, Mantova), Paolo Borrelli (Ospedale Beauregard, Aosta), Alessandro Marra (ASST Rhodense – P.O. Rho – Mi) e Riccardo Asero (Clinica San Carlo, Paderno Dugnano – MI).

Piu’ melanomi gravi e nuove diagnosi tardive, a rivelarlo e’ uno studio condotto da medici e ricercatori dell’Istituto Dermopatico dell’Immacolata (IDI) al termine del periodo di lockdown e pubblicato sulla rivista internazionale Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology. All’inizio di giugno 2020, in seguito all’osservazione clinico-epidemiologica tenutasi presso la Melanoma Unit dell’IDI di Roma diretta dal dott. Francesco Ricci, sono stati riscontati numerosi nuovi casi di melanomi di grado severo. 158 sono stati i giorni del periodo dello studio, 237 i nuovi casi di melanoma riscontrati: il numero medio di nuove diagnosi e’ stato 2,3/giorno nella fase pre-lockdown (in linea con le nuove diagnosi giornaliere osservate nel 2018 e nel 2019 presso il nostro Istituto), 0,6 durante il lockdown e 1,3 subito dopo il lockdown (fino al 6 Giugno 2020, data di chiusura dello studio).

“Con questo studio- afferma il dottor Damiano Abeni- abbiamo voluto verificare se il lockdown italiano, determinato dalla pandemia di COVID-19, potesse aver causato un ritardo diagnostico delle nuove diagnosi di melanoma ed abbiamo osservato un aumento significativo della gravita’ dei nuovi casi di melanoma diagnosticati dopo la fine del lockdown.

Questo aumento e’ stato evidente sia per quanto riguarda lo spessore di Breslow (che nel melanoma rappresenta il principale fattore prognostico), sia per le caratteristiche cliniche delle lesioni (con una maggiore proporzione di melanomi nodulari, ulcerati e/o con una componente di crescita nodulare), essenzialmente con un raddoppio dei valori per queste tipologie di melanoma. Osservando lo spessore di Breslow si e’ apprezzato un aumento significativo dello spessore medio: da 0,88 nel pre-lockdown a 1,96 nella fase post-lockdown. Tuttavia, la percentuale di melanomi meno severi (in situ) non e’ cambiata nelle tre fasi pandemiche (circa 24%) ed e’ molto vicina ai valori osservati per il 2018 (23,8%) e per il 2019 (26,4%).

Questo dato potrebbe essere spiegato dal fatto che proprio i pazienti con melanomi piu’ severi abbiano ritardato lo screening cutaneo durante il lockdown sottovalutando la gravita’ del problema. Il ritardo diagnostico ha riguardato prevalentemente soggetti di sesso maschile di eta’ pari o superiore a 50 anni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*