Emergenza Sanitaria a Terni: Critiche alla Regione Umbria

Lunghe attese al Pronto Soccorso e mancanza di servizi

Rifiuto di matrimonio combinato e aggressione a Natale

Emergenza Sanitaria a Terni: Critiche alla Regione Umbria

Emergenza Sanitaria a Terni – La situazione sanitaria a Terni, in particolare presso l’Ospedale Santa Maria, viene descritta come disastrosa, con pazienti lasciati in attesa al Pronto Soccorso per lunghe ore e cittadini bloccati in infinite liste d’attesa, il che ha portato all’interruzione di alcune prestazioni specialistiche che attualmente non possono essere prenotate. Questa difficile situazione sta avendo un impatto negativo sui cittadini e sul personale sanitario che lavora in condizioni di emergenza da troppo tempo, al di sopra delle proprie forze, per garantire servizi minimi.

La Provincia di Terni è in una situazione di collasso, avendo un solo Pronto Soccorso rispetto ai cinque di Perugia. La distribuzione e il mansionamento del personale sanitario nella regione hanno prodotto una carenza endemica di figure professionali nell’ambito sanitario a Terni, nonostante l’Umbria sia una delle migliori regioni italiane per il numero di medici e infermieri per abitante.

Si critica la Regione Umbria, in particolare la Presidente Tesei e l’Assessore Regionale alla Sanità Coletto, per non aver affrontato questa drammatica situazione e per non aver preso alcuna misura per il progetto del nuovo Ospedale di Terni, che è considerato fondamentale per la città. Si solleva anche la questione del silenzio dei rappresentanti ternani in Regione, che sembrano non intervenire a tutela del territorio che li ha eletti.

Il comunicato conclude affermando che Alternativa Popolare si impegnerà a garantire la tutela che il territorio di Terni merita di fronte a questa emergenza sanitaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*