Chirurgia robotica di eccellenza in Umbria in ambito urologioco

 
Chiama o scrivi in redazione


Avvocato Giasprini, la responsabilità medica dopo la riforma Gelli

Chirurgia robotica di eccellenza in Umbria in ambito urologioco A distanza di pochi giorni uno dall’altro, sono stati eseguiti due  interventi chirurgici di straordinaria complessità su due pazienti di 69 e 65 anni dalle equipe del prof. Ettore Mearini, direttore interaziendale delle strutture complesse di Chirurgia Urologia ad indirizzo oncologico di Perugia e Terni. Per quanto riguarda il paziente operato presso il  S. Maria della Misericordia si è proceduto su una duplice neoplasia, renale e surrenale sinistra, con utilizzo della tecnica mini-invasiva robotica, con accesso posteriore.

Si tratta di un intervento chirurgico mai eseguito prima, come riferisce una nota dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, confermato dalla letteratura  mondiale, intervento  che sarà descritto in un articolo pubblicato su una prestigiosa rivista scientifica internazionale. Dopo una degenza di  una settimana, il paziente è stato dimesso e dopo i controlli post chirurgici, ha riferito ai sanitari di aver ripreso le normali attività lavorative.

Nel corso della stessa settimana dello scorso mese di ottobre, l’equipe del prof. Mearini è intervenuta anche presso l’Azienda ospedaliera di Terni con  la stessa  tecnica  per eseguire un intervento chirurgico con la rimozione “contemporanea” di duplice neoplasia renale e alla prostata su un paziente umbro di 65 anni.

Anche in questo caso, questo dopo una degenza di alcuni giorni, il paziente  è stato dimesso in buone condizioni generali. Il prof. Mearini, tra i primi in Umbria e in Italia a perfezionarsi nella chirurgia robotica, ha commenta: “I risultati conseguiti negli ultimi anni sono da stimolo per proseguire sulla strada intrapresa già quando era in atto il confronto tra le diverse procedure chirurgiche ed era dominante il convincimento sulla modesta  efficacia terapeutica della chirurgia robotica, visto che le  linee guida prendevano in considerazione unicamente la “chirurgia aperta”.

Dapprima la chirurgia mini invasiva laparoscopica e poi con l’impiego del robot hanno ribaltato la situazione, grazie alla  innovazione e alla tenacia dei professionisti che hanno visto affermate le loro tesi anche in contesti internazionali”.

Il confronto tra le diverse tecniche chirurgiche  in campo urologico resta aperto anche se il prof. Mearini sottolinea: ”Perché possano essere ottenuti risultati eccellenti è indispensabile che utilizzo del robot sia costante, perché  il potenziale della tecnologia si sviluppa al meglio se il lavoro di equipe viene svolto quotidianamente; la sporadicità rappresenta al contrario un freno alla  innovazione.

Convogliare le risorse in un centro – ha aggiunto Mearini – è un obbiettivo perseguibile. Casistica e conoscenza dei sistemi più avanzati della tecnologia garantiscono  risultati oncologici e funzionali sempre più efficaci, uniti a riduzione dei costi sociali e precoce ritorno dei pazienti alle loro attività”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*