Viadotto Puleto a rischio crollo, Zaffini, tragedia sfiorata, ora chi paga?

 
Chiama o scrivi in redazione


Arresti, FdI: «Intervenga prefetto per commissariare Azienda ospedaliera di Perugia»

Viadotto Puleto a rischio crollo, Zaffini, tragedia sfiorata, ora chi paga?

© Protetto da Copyright DMCA

Un’interrogazione al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, è stata presentata dal senatore Franco Zaffini per sapere «se è vero che, come anticipato da organi di stampa, i lavori di risanamento strutturale del viadotto Puleto avrebbero dovuto essere aggiudicati la scorsa primavera e, alla luce di quanto accaduto, cosa ne abbia impedito l’aggiudicazione e l’avvio».

Il question-time – riferisce una nota del senatore di Fratelli d’Italia – aiuterà anche a capire «quale sia, oggi, la tempistica per i lavori». «Gli interventi di risanamento strutturale sul viadotto Puleto nei pressi di Valsavignone al confine tra la Toscana e la Romagna – si legge nel comunicato – avrebbero dovuto essere avviati nella scorsa primavera e quelli sulla viabilità alternativa di Pieve Santo Stefano appaltati entro il 2018. Sembrerebbe, inoltre, che il piano di riqualificazione strutturale sia stato predisposto addirittura quattro anni fa».

Nei giorni scorsi è intervenuto il sequestro richiesto dal procuratore di Arezzo nell’ambito di un’inchiesta sul cedimento di una piazzola della E45 in quanto – scrivono i tecnici – il viadotto sarebbe a rischio collasso. «Il provvedimento della magistratura – spiega Zaffini – ha di fatto tagliato in due il Paese.

La tempestiva realizzazione degli interventi di risanamento strutturale del viadotto, programmati, sembra, a partire dal 2015 ma mai avviati, avrebbe consentito di operare su una corsia mantenendo aperta l’altra, mentre invece, oggi, anche in assenza di lavori di ripristino della viabilità secondaria, i percorsi alternativi comportano aggravi notevoli in termini di tempo e di costi con inevitabili ricadute sui collegamenti ma più in generale sul tessuto economico e produttivo».

Conclude Zaffini: «Erano stati programmati nel 2015, finanziati nel 2016 ma nella sostanza mai eseguiti. La tragedia è stata solo sfiorata, a causa dei ritardi ora ci sono enormi disagi ed enormi aggravi di costi per le imprese del territorio, ora chi paga?».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*