Terni, progetti Sprar, Fiorini (Lega) chiede documenti dal 2014 al 2017

Ambiente, Fiorini, controllare gli scarichi di acque reflue prodotte dagli autolavaggi

Terni, progetti Sprar, Fiorini (Lega) chiede documenti dal 2014 al 2017. I progetti Sprar di accoglienza degli immigrati sotto la lente di ingrandimento della Lega Terni. Il capogruppo regionale e consigliere comunale, Emanuele Fiorini, ha inoltrato richiesta ufficiale di accesso agli atti al fine di ottenere i documenti che riguardano l’attività dei progetti per richiedenti asilo finanziati dall’amministrazione comunale di Terni negli anni dal 2014 al 2017. La richiesta è stata inoltrata al dirigente della sezione politiche sociali, all’assessore alle politiche sociali e al segretario comunale.

“Di recente, tramite esposto alla Procura, ho messo in evidenza alcune irregolarità relative ai progetti Sprar del territorio narnese-amerino sui quali ora sta indagando la magistratura – spiega Fiorini – Adesso voglio verificare anche i dati relativi ai progetti Sprar di Terni per cercare di capire come sono state spese le risorse investite.

Ho richiesto tutti i verbali dei dipendenti comunali coinvolti, gli ordini di servizio degli stessi nel periodo relativo dal 2014 al 2017, la rendicontazione finale delle spese sostenute e inviate al Servizio Centrale negli stessi anni per i progetti Sprar ordinari, minori stranieri non accompagnati e disagio mentale. É arrivato il momento di “aprire i cassetti” della vecchia amministrazione – conclude Fiorini – scoprire come sono stati spesi i soldi dei cittadini e se esistono incongruenze tra i progetti e la loro reale esecuzione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*