Protesta a Foligno: comunità ucraina contro film filo-putiniano ‘Il Testimone

La decisione del Comune scatena la protesta: in piazza a Foligno

Protesta a Foligno: comunità ucraina contro film filo-putiniano ‘Il Testimone

A Foligno, oggi, è stata protagonista una vivace protesta da parte della comunità ucraina e di numerosi cittadini che si sono uniti contro la decisione della giunta comunale. Il motivo della discordia è la concessione del patrocinio del Comune e l’utilizzo della sala rossa di palazzo Trinci per la proiezione del film “Il Testimone”, ritenuto da molti filo-putiniano. L’evento si è svolto esattamente due anni dopo l’inizio della guerra, attirando circa 200 partecipanti, tra cui spiccano personalità come l’europarlamentare di Azione Fabio Massimo Castaldo, la rappresentante della comunità ucraina di Foligno, Ketsman Kateryna, e quella di Rimini, Dimitro Shchukin, i quali sono stati intervistati da Gabriele Salari.

“La decisione del Comune scatena la protesta: in piazza a Foligno per contrastare la proiezione del controverso film a due anni dall’inizio della guerra.”
[/su_panel]

La decisione della giunta comunale ha suscitato sconcerto e indignazione, spingendo la comunità ucraina e i manifestanti a esprimere il loro dissenso in modo pacifico ma deciso. La controversia legata al film “Il Testimone” ha reso evidente il divario di opinioni sulla sua natura filo-putiniana, che ha acuito ulteriormente le tensioni. In risposta alle critiche, il sindaco di Foligno, Stefano Zuccarini, ha rilasciato una dichiarazione attraverso l’agenzia Ansa, affermando che il film è presentato come una denuncia degli orrori della guerra e quindi non vi è nulla di male nella sua proiezione. Il sindaco ha sottolineato la volontà del Comune di non limitare la libertà di espressione di nessuno.

Tuttavia, la risposta del sindaco non ha placato le preoccupazioni della comunità ucraina e dei manifestanti, che ritengono che la proiezione del film possa veicolare un messaggio distorto e fuorviante. L’asprezza del dibattito sulla decisione del Comune di Foligno evidenzia l’importanza di una discussione aperta e trasparente, che tenga conto delle diverse prospettive e sensibilità legate a temi così delicati come la guerra e le relazioni internazionali. In questo contesto, la manifestazione in piazza rappresenta un esempio tangibile di cittadinanza attiva e di difesa delle proprie convinzioni, nella speranza di influenzare il dibattito pubblico e il processo decisionale delle istituzioni locali.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*