Partito Democratico Umbria: ora c’è bisogno di una guida collegiale

 
Chiama o scrivi in redazione


De Rebotti: “Bene precisazioni De Fino, salvaguardia operatività ospedale"

Partito Democratico Umbria: ora c’è bisogno di una guida collegiale

La situazione pandemica in Umbria è particolarmente grave. Per risolvere i problemi occorre mettere da parte le divisioni: la politica deve produrre uno sforzo unitario, ciascuno secondo le proprie responsabilità. In Umbria la maggioranza e l’opposizione in Consiglio regionale hanno già compiuto un primo importante passo in avanti.

L’azione del Partito Democratico è e sarà determinante per proseguire su questa strada. Gli amministratori, i rappresentanti istituzionali, i dirigenti e i militanti del PD dell’Umbria hanno bisogno di coordinarsi, confrontarsi, scambiarsi informazioni e individuare insieme le soluzioni migliori nell’interesse di tutti gli umbri.

A tal fine, poiché il ruolo di Verini è giunto a scadenza, sollecitiamo l’urgenza della nomina di un nuovo Commissario regionale da parte del PD nazionale, al quale sia chiaramente dato il mandato di coordinare l’azione politica del PD regionale per il tempo che ci separerà dal congresso. Ci serve un arbitro, ma abbiamo anche bisogno di un allenatore.

Noi siamo convinti che il PD umbro potrà risolvere i suoi problemi se riuscirà a dotarsi di un modello collegiale di governo del partito. L’uomo solo al comando non può mai essere la soluzione. Per questo riteniamo necessario che il prossimo Commissario del PD Umbria promuova sin da subito un approccio collaborativo, magari anche scegliendo di governare il partito costruendo una cabina di regia inclusiva, a partire dai 4 candidati alla segreteria regionale e dai candidati alle segreterie provinciali di Perugia e di Terni e, comunque, aperta ad altre figure che potranno essere individuate dallo stesso Commissario.

Il PD in Umbria è una grande forza politica, certamente ancora in grave difficoltà, ma capace di esprimere quella cultura di governo indispensabile ad affrontare questa difficilissima situazione. Sui tavoli della politica umbra non c’è solo il dossier sanitario: ci sono, solo per citarne alcuni, i problemi determinati dalle gravissime crisi economica e sociale, e c’è poi il tema di come progettare la spesa delle tantissime risorse che arriveranno in Umbria con il Next Generation UE. Noi siamo, come sempre, disponibili a fare tutto ciò che è necessario per il bene della nostra comunità politica e, soprattutto, degli umbri.

Francesco De Rebotti
Massimiliano Presciutti
Alessandro Torrini
Carlo Elia Schoen

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*