Il Pd scalda il motori in vista della presentazione delle liste per le elezioni

Sicuri Bocci, Verini e Anna Ascani, incerta candidatura Marina Sereni, vicepresidente della Camera

Il Pd scalda il motori in vista della presentazione delle liste

Il Pd scalda il motori in vista della presentazione delle liste

PERUGIA – Sembra essere incerta la candidatura della vicepresidente della Camera dei deputati, Marina Sereni. Per la folignate, che gode dell’appoggio di Piero Fassino quindi, non ci sarebbe nulla di certo. Sì è vero le liste si presenteranno tra tredici giorni, ma pare che la sua ricandidatura sia davvero incerta. Lo annuncia questa mattina La Nazione Umbria dando per cero, invece,  la riproposizione di Anna Ascani, Walter Verini (listino proporzionale) e Gianpiero Bocci nel collegio uninominale di Perugia (così si dice). Matteo Renzi a Torino, intanto, ha detto chiaro e tondo che le deroghe alle candidature (15 anni di mandato al massimo) verranno concesse solo a chi ha fatto il ministro.

Per gli altri, invece, saranno le stesse segreterie a decidere e così dovrebbe essere anche per Marina Sereni che è parlamentare dal 2001. Sugli altri due posti disponibili, scrive Nucci, ne vedremo delle belle, Ci sono uscenti di grido, Nadia Ginetti, Giampiero Giulietti e Valeria Cardinali, ma per tutti non c’è posto, come dire, la coperta è troppo corta e se si coprono i piedi resta scoperto il volto. Collegi uninominali sicuri per il segretario nazionale del Pd, dove si vorrebbe candidare solo dei “cavalli di razza” della politica, ma l’andamento dei sondaggi nazionali non aiuta, se si continua a veleggiare a quota 25per cento i seggi dell’Umbria saranno tutti da contendere se si arriverà a quota 28 30 per cento.

E Silvano Rometti? Beh, pare non ci sia nessun muro sulla sua candidatura su Perugia Trasimeno, ma c’è anche chi vorrebbe Leonelli – nonostante “la candidatura non avanzata” – in corsa nel proprio collegio di Perugia. Tutti danno Gianpiero Bocci in vittoria facile in quel di Castello, Gubbio e Foligno, ma nel partito lo vorrebbero veder correre su Terni Spoleto. E “Liberi e uguali”, nessuna candidatura per Luciano Neri che, sosterrà, invece Bersani. Non si vuol dare l’idea di uno scontro che continua tra gli ex e i piddini, ma che sia “elemento di forte disturbo” per il partito di Renzi non è una novità.

Tre i tre i nomi definitivi che il partito guidato da Pietro Grasso presenterà nei collegi uninominali della Camera: Andrea Mazzoni a Perugia, Elisabetta Piccolotti a Foligno e Antonio Iannoni a Terni.

Al Senato, invece, se il collegio uninominale Umbria 1, che si identi fica sostanzialmente con la provincia di Perugia, è ancora in attesa di un nome, per Umbria 2 (la provincia di Terni con Spoleto, Foligno e la Valnerina) la candidata è gia’ stata definita: si tratta Raffaella Chiaranti, ex dirigente Cgil e militante del mo vimento femminista molto nota a Terni. Per quanto riguarda la quota proporzionale – riporta ancora la Nazione -, poi, Liberi e Uguali per l’Umbria ha presentato una rosa di nove nomi, che andranno a comporre i listini – quattro alla Camera e quattro al Senato – e saranno scelti dopo un’interlocuzione con i vertici nazionali, al massimo intorno a fine gennaio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*