Detenuto morto, sindacati polizia penitenziaria, attacco a Presidente Marini

Detenuto morto, sindacati polizia penitenziaria, attacco a Presidente Marini

Detenuto morto, sindacati polizia penitenziaria, attacco a Presidente Marini
Le scriventi organizzazioni sindacali, rappresentative del personale del Corpo di Polizia penitenziaria non possono esimersi dall’ esprimere la propria indignazione e ferma condanna a fronte dell’ennesimo attacco alla dignità, alla professionalità e al ruolo istituzionale di un Corpo di Polizia, sferrato, questa volta, addirittura dal Governatore della Regione Umbria.

Gestione rifiuti, volano stracci tra Giunta regione e consiglieri Lega
Panorama Catiuscia Marini

E’ assolutamente inaccettabile che il Presidente della regione, On.le Catiuscia Marini, si permetta di gettare fango in modo così aperto, divulgando il proprio pensiero in “rete”, avanzando dubbi ed interrogativi sull’operato degli uomini e delle donne appartenenti ad un Corpo armato dello Stato che ogni giorno, con i ben noti problemi di organico, strutture e mezzi, continua ad assolvere con impegno al proprio mandato istituzionale con naturale abnegazione e spirito di sacrificio.

Non ci si può nascondere! Le domande che l’Onorevole Marini si è posta nel messaggio sono divenute oramai un mantra nel nostro Paese.

Ogni volta che c’è un evento nefasto o una morte improvvisa scatta la caccia agli ”aguzzini” della Polizia Penitenziaria come è avvenuto, purtroppo, più volte negli anni scorsi. E lo cosa che più sconcerta è che La Presidente, a nostro parere, abbia voluto cavalcare l’onda emotiva di notizie giornalistiche, apparse nei giorni scorsi, che riportavano i pensieri di persone (un amico della vittima) che non sono e non possono essere a conoscenza dei fatti e delle circostanze in cui è avvenuto il decesso del giovane detenuto Moldavo.

Noi attendiamo che, come si suol dire, “la giustizia faccia il suo corso”. Come sempre avvenuto, il personale del reparto della casa Circondariale di Terni saprà fornire il proprio incondizionato supporto alle attività della Magistratura e saprà attendere gli esiti degli accertamenti che questa ha disposto per chiarire i motivi del decesso. Noi non ci poniamo interrogativi, non solleviamo dubbi e soprattutto non abbiamo nulla da temere o nascondere!!!.

Leggi anche – Detenuto morto a Terni, autopsia esclude pestaggio Garante Umbria visita carcere

Abbiamo accolto rispettosamente come ci compete e come fa onore ad un Corpo di Polizia la visita del Garante Regionale dei detenuti, preannunciata dall’Onorevole Marini nel -post”, senza timore degli “approfondimenti” in esso auspicati per l’evidente mancanza di fiducia nei nostri confronti.


Euronews Live

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*