Carcere di Capanne, aggressione al personale di Polizia Penitenziaria

Carcere di Capanne, aggressione al personale di Polizia Penitenziaria. A denunciare l’episodio è l’O.S.A.P.P.

Carcere di Capanne, aggressione al personale di Polizia Penitenziaria

Nella mattinata odierna, intorno alle ore 11.00, presso l’ufficio casellario del carcere di Perugia Capanne, , un detenuto di origine Liberiana, appena giunto, per futili motivi, ha aggredito vari Poliziotti Penitenziari, sia della scorta che altri intervenuti a sostegno, vista l’aggressività e la resistenza posta in essere dal detenuto in questione. A denunciare l’episodio è l’O.S.A.P.P. – (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) per voce del Vice Segretario Generale Giuseppe Proietti Consalvi.

“Questo ennesimo atto è il risultato di una politica penitenziaria attuata in assoluto dispregio delle condizioni di lavoro del personale di Polizia Penitenziaria spesso lasciato solo ad operare in assoluta ristrettezza di mezzi e di supporti e anche con detenuti di estrema pericolosità.

E solo grazie alla professionalità mostrata anche in questo caso dal personale di Polizia Penitenziaria, altro che subcultura come la definisce qualcuno, che si è evitato il peggio, rispetto comunque al fatto che un Assistente Capo ha dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso cittadino, riportando otto giorni di prognosi.

LEGGI ANCHE – Agente penitenziario tenta il suicidio alla caserma agenti carcere Capanne

Le parole del Ministro della Giustizia in merito al mancato rispetto della Costituzione da parte di pochi Colleghi a Santa Maria Capua Vetere, sono pienamente condivisibili.

Ma per i restanti 37.000 che la rispettano cosa intende fare? Dai primi atti, assolutamente nulla. Alla popolazione detenuta, conclude il Vice Segretario Generale O.S.A.P.P, ormai sono concessi o richiesti solo diritti, i doveri sono stati dimenticati in qualche ufficio Romano, ristrutturato con i soldi dell’amministrazione penitenziaria.

E’ chiaro oramai che, i vertici politici e amministrativi della Giustizia e del D.A.P., sono inermi e succubi di politiche scellerate create ad arte.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*