C’è tanta Umbria sulla scrivania del Ministero delle Infrastrutture

 
Chiama o scrivi in redazione


C'è tanta Umbria sulla scrivania del Ministero delle Infrastrutture

C’è tanta Umbria sulla scrivania del Ministero delle Infrastrutture

C‘è tanta Umbria sulla scrivania del Ministero delle Infrastrutture. Ne abbiamo avuto conferma dopo la visita del viceministro Giancarlo Cancelleri. Una giornata dedicata interamente a verificare il completamento dei lavori sul viadotto Montoro, per il quale è prevista la riapertura al traffico nella giornata di domani, venerdì e poi ancora sul cantiere Ircoop lungo la Terni-Rieti, sul binario unico Roma-Ancona della Valserra, a Spoleto e nel viadotto delle Fontanelle sul valico della Somma.

La dimostrazione ulteriore che quando il Movimento 5 Stelle prende un impegno lo porta a termine. E che l’Umbria e le infrastrutture della nostra regione trovano piena centralità nei tavoli ministeriali. L’innovativo intervento sul Viadotto Montoro da parte dell’Anas ha permesso la riapertura al traffico, anche quello pesante, in un tempo minore rispetto a quello preventivato (30 giorni anzichè 40) consentendo così di ristabilire la normale viabilità in territori messi a dura prova. Inizialmente il viadotto sarà riaperto a una corsia per senso di marcia, ma potranno transitare anche mezzi pesanti fino a 44 tonnellate. Garantita la sistemazione del nuovo fondo stradale e gli interventi antisismici. Un intervento che restituisce una struttura più sicura in attesa del rifacimento definitivo.

Novità anche per quanto riguarda il cantiere della Terni-Rieti dove l’amministratore della Ircoop ha promesso al viceministro la chiusura dei lavori entro il prossimo mese di ottobre. Altra priorità del governo sarà il binario unico Roma-Ancona. La giornata del viceministro Cancelleri si è conclusa proprio alla stazione di Giuncano confermando che il raddoppio del binario unico Roma-Ancona sarà tra le priorità del governo.

Non si è trattato di semplice passerella mediatica, ma della volontà di controllare sul campo l’andamento dei lavori. Perchè quando il Movimento 5 Stelle prende un impegno, la fa prendendosi la responsabilità che questo venga mantenuto. Il viceministro ha chiuso la giornata di sopralluogo parlando di una vera e propria “nuova stagione delle infrastrutture” grazie al Dl semplificazione ed ai 109 contratti di programma di Anas e Rfi per la realizzazione di opere pubbliche, oltre al Recovery Fund che potrebbe destinare ulteriori risorse per infrastrutture ex novo. Una stagione che permetterà al paese di risollevarsi e che vedrà l’Umbria sempre più protagonista nei tavoli del ministero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*