Antonio Tajani a Perugia ha incontrato il Cardinale Bassetti e poi il sindaco Romizi

di Morena Zingales
Antonio Tajani a Perugia ha incontrato il Cardinale Bassetti e poi il sindaco Romizi
Un incontro durato quasi un’ora. Il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, questo pomeriggio ha incontrato il Cardinale e vescovo di Perugia-Città della Pieve, Monsignor Gualtiero Bassetti. Hanno parlato di sicurezza, un argomento tanto sentito dopo l’attentato di Strasburgo, dove ha perso la vita il giovane giornalista italiano Antonio Megalizzi. «L’omicidio di Antonio e di altre vittime innocenti – ha detto Tajani deve farci riflettere. E’ un odio forte contro l’ Europa, contro la convivenza civile, contro la nostra democrazia». Il presidente Tajani è arrivato puntuale al vescovado. Sul posto oltre al vescovo ad accoglierlo c’erano anche i parlamentari umbri.

Il Cardinale Bassetti con il Presidente Tajani, dopo il lungo dialogo, si sono soffermati a parlare con i giornalisti e il prelato ha detto. «Ci sono tante tematiche da trattare, l’Europa è la casa comune, se perdiamo l’Europa, non abbiamo un’altra Europa di riserva. Noi dobbiamo mettere ancora mattone su mattone per la costruzione di questa casa».

Oltre ai fatti di Strasburgo si sono soffermati sulla questione Africa e immigrazione e su cosa si può fare per aiutare il continente africano. «Avere – ha detto Tajani – un vero e proprio piano Marchall per far crescere quelle popolazioni, combattendo il cambiamento climatico, il terrorismo, la carestia, la povertà, cercando di portare la pace». Il presidente del Parlamento ha ricordato quanto fanno i tanti missionari di pace in Africa e quello che fa la Sant’Egidio: «Si può fare molto, si deve fare molto e io credo – ha concluso Tajani – che l’Europa abbia un ruolo importante da giocare. Così si affronta la questione immigrazione in maniera seria e costruttiva permettendo agli africani di rimanere a casa loro, crescendo e non dovendo vivere momenti di grande sofferenza come ancora continuano».

Tajani dopo aver salutato il vescovo si è diretto alla casa comunale dove ha incontrato il primo cittadino, Andrea Romizi. Quest’ultimo lo ha accolto con un grande abbraccio proprio all’ingresso della sala dei Notari, insieme agli assessori, ai parlamentari umbri, ad alcuni consiglieri comunali e ai coordinatori locali di Forza Italia.

L’incontro con il sindaco era previsto intorno alle 15, ma è arrivato in comune poco prima delle 16. Il Presidente Tajani si è scusato con Romizi e in una battuta scherzosa gli ha detto: «Mi scuso con il sindaco, ho perso tempo per parlare bene di te». Insieme si sono poi diretti verso la Sala Rossa del palazzo comunale, dove hanno parlato del futuro.

«Ogni volta è un piacere poterti ricevere in questo palazzo comunale – ha detto il Sindaco – e poterti rinnovare tutto il nostro apprezzamento per come stai operando nel tuo ruolo di Presidente del Parlamento europeo. In questo momento particolarmente difficile sei un punto di riferimento prezioso.» Dal canto suo il Presidente Tajani si è detto felice di questa visita a Perugia.

«Rappresentate il cambiamento – ha detto rivolgendosi a Romizi e alla sua giunta – e non ne faccio una questione di partito ma di governo della città, capace di un allargamento alla società civile. Perugia – ha proseguito – si sta ponendo come modello per tutta la regione, grazie a un sindaco giovane e ad una squadra che non ripiega su se stessa».

Il Presidente Tajani ha quindi fatto riferimento alle infrastrutture e all’Alta velocità in particolare. «Perugia non può non essere facilmente raggiungibile, deve essere una città aperta che, grazie a questo governo, è tornata ad essere un crocevia culturale internazionale. Avere un sindaco giovane, del resto, – ha aggiunto – significa anche avere l’opportunità di una visione legata ai cambiamenti, una visione più legata al futuro.» Dal Presidente del Parlamento europeo, infine, l’invito all’amministrazione a proseguire la collaborazione con l’Europa, per conoscerla ed utilizzarla al meglio anche in termini di finanziamenti, per la crescita della città. Tajani ha, dunque, confermato il suo appoggio all’amministrazione e al territorio “perché – ha detto – un sindaco onesto e per bene non è cosa da poco. L’Europa – ha aggiunto, in risposta al consigliere Cagnoli – ha bisogno di un ritorno alla politica, quella vera, quella sentita, soprattutto da parte dei giovani.»

Il Sindaco Romizi ha tenuto a sottolineare che molti risultati sono stati ottenuti anche grazie al contributo di tanti cittadini di buona volontà che sono tornati ad essere protagonisti della vita della loro città e che hanno collaborato con l’amministrazione comunale. Al termine dell’incontro, Tajani si è intrattenuto con gli assessori e i consiglieri presenti per un breve visita a Palazzo dei Priori.

La serata è proseguita con l’incontro programmato all’Etruscan Chocolate per le due tavole rotonde, una dedicata agli amministratori e una all’Umbria.

Commenta per primo

Rispondi