Perugia calcio a Frosinone in cerca del risultato allo Stirpe


Scrivi in redazione


Perugia calcio a Frosinone in cerca del risultato allo Stirpe

di Elio Clero Bertoldi
PERUGIA – Lo Spezia in rimonta ha liquidato (3-1) l’Ascoli e ha confermato uno stato di forma davvero invidiabile, tale da far dire che davvero la squadra che ha violato anche il Curi, al momento é un rullo compressore.

Il nuovo successo degli spezzini può far leggere la sconfitta dei grifoni in maniera meno drastica: siccome, in quella partita, almeno gli otto-undicesimi del club biancorosso hanno giocato al di sotto delle attese, quella battuta d’arresto può essere archiviata con toni meno drammatici e più soft.

Certo allo Stirpe di Frosinone i grifoni dovranno offrire una ben diversa risposta. Serse Cosmi é stato chiaro: in Ciociaria sarà una partita chiave per il futuro.

Coi risultati di ieri il Perugia é nono e deve cercare di rimanere agganciato a questo gruppo.

Negli ultimi giorni l’allenatore ha “curato” molti particolari anche perché “questa – sono parole sue – é una squadra che ha bisogno di essere stimolata, non dico frustata, con continuità…”

L’avversrario risulta tostissimo. Sia per la posizione in classifica, sia per l’entusiasmo da cui é circondato, sia per i valori di squadra e dei singoli.

E per di più subisce abbastanza raramente i gol.

Le bocche di fuoco del Perugia dovranno mettercela tutta.
É probabile che Serse Cosmi cambi qualcosa a centrocampo che ha mostrato troppa fragilità. Carraro e Kouan, che portano fisicità e corsa, dovrebbero giocare.

Mentre davanti a contendersi la seconda maglia – la prima Iemmello la tiene sulle proprie spalle strettamente – saranno Falcinelli, Capone e Melchiorri.

“Tutti – rimarca il tecnico – possono dare di più. I giocatori hanno dalla loro una fortuna: bastano loro 10-12 partite per laurearsi eroi. Quindi possono decidere la loro carriera in breve termine”.

Chi ha orecchi per capire, capisca.

Probabile formazione:
PERUGIA (3-5-2): Vicario; Rosi, Angella, Gyomber; Mazzocchi, Falzerano, Carraro, Kouan, Nzita; Falcinelli, Iemmello. A disp.: Fulignati, Albertoni, Rajkovic, Sgarbi, Nicolussi Caviglia, Benzar, Di Chiara, Greco, Dragomir, Barone, Buonaiuto, Melchiorri, Capone.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*