Sindacati al primo confronto con la presidente dell’Umbria Donatella Tesei

 
Chiama o scrivi in redazione


Sindacati al primo confronto con la presidente dell'Umbria Donatella Tesei

Sindacati al primo confronto con la presidente dell’Umbria Donatella Tesei


Primo incontro ufficiale oggi, 10 gennaio, tra la nuova presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, e i segretari generali delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria, Vincenzo Sgalla, Angelo Manzotti e Claudio Bendini. I tre segretari hanno esposto alla presidente quelle che sono le priorità per le organizzazioni sindacali, già indicate nella Piattaforma unitaria elaborata nel 2019: ricostruzione post-sisma, a partire dalla questione macerie; legalità, lotta alle infiltrazioni mafiose e sicurezza nei luoghi di lavoro; legge regionale sugli appalti, per mettere fine alla logica del massimo ribasso; investimenti in istruzione e ricerca, con il coinvolgimento delle imprese umbre; rilancio della sanità pubblica.

Rispetto a quest’ultimo fondamentale argomento, tra l’altro, i segretari generali hanno invitato la presidente e l’assessore alla Sanità a partecipare all’iniziativa organizzata da Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria dal titolo “La Sanità in Umbria, pubblica e universale”, in programma il prossimo 31 gennaio a Perugia, alla quale interverrà il ministro della Sanità Roberto Speranza.


Primo, significativo, risultato del confronto odierno è stata la decisione, condivisa dalle parti, di “istituzionalizzare” il confronto tra giunta regionale e organizzazioni sindacali, fissando incontri con cadenza mensile tra la presidente e i segretari generali, nel corso dei quali fare il punto sulle vertenze e sulle situazioni di crisi aperte nella regione, per poi affrontarne la gestione operativa in tavoli tecnici con gli assessori di riferimento. Inoltre, questo confronto permanente avrà l’obiettivo di concordare e condividere le scelte strategiche in materia di lavoro, economia e sociale per lo sviluppo della regione.


Questo primo appuntamento è da ritenersi positivo – sottolineano Sgalla, Manzotti e Bendiniperché, nel massimo rispetto dei ruoli e delle funzioni, si è individuato un obiettivo strategico comune,  quello del rilancio del lavoro di qualità in Umbria e quindi dello sviluppo della regione, recuperando il gap accumulato negli anni della crisi rispetto al centronord. Inoltre, la decisione di strutturare il confronto con incontri mensili è certamente innovativa e riconosce il ruolo strategico del sindacato nella programmazione delle politiche economiche e sociali regionali. Sarà nostra cura ora mantenere alta l’attenzione e verificare che si passi dalle parole ai fatti. Un primo segnale – concludono i tre segretari generali – potrebbe essere quell’intervento di revisione e rilancio delle società partecipate della Regione che come sindacati chiediamo da tempo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*