Tutte le foto del degrado de la Pallotta scattate da Tamburi di Perugia social city

Tutte le foto del degrado de la Pallotta scattate da Tamburi di Perugia social city

Tutte le foto del degrado de la Pallotta scattate da Tamburi di Perugia social city

  • Numerose sono le cause che determinano la situazione in quella zona; che vanno da una completa mancata manutenzione dei suoi parchi, passando per lo stato di strutture edilizie che sembrano arrivate direttamente dai bombardamenti sostenuti in qualche conflitto bellico, fino al comportamento antisociale ed irrispettoso dei diritti altrui, di personaggi che molto spesso transitano e stazionano nella zona, causando danni per il loro inadeguato comportamento, a cose e persone: con lo spaccio, con i furti, con la prostituzione, con un inadeguato comportamento per l’utilizzo delle risorse sociali che dovrebbero essere a disposizione di tutti (specialmente i parchi della zona) e che sono invece, da loro privatizzate. Come altri innumerevoli comportamenti inadeguati alla società in cui hanno la fortuna di vivere.

Stranieri e non, senza tetto e non, insieme all’inefficienza della politica locale, concorrono a massimizzare i degradi ambientali e sociale del quartiere!

  • Lasciando indietro quello più conosciuto: parco Vallone Sant’Anna e quelli di minima importanza, ma sempre necessari al buon vivere dei residenti, come il taglio costante dell’erba delle aiuole e dei parchi (piccoli e grandi), al precario stato o alla mancanza, dei marciapiedi, necessari per non farsi travolgere dal traffico, alla bitumatura e manutenzione delle strade secondarie dove il Comune, con l’Assessore competente in testa, non hanno ravvisato la necessità di togliere le grandi buche con il tempo formatasi che ne impediscono una corretta scorrevolezza, come già provveduto per le strade principali (esempio: via dei Filosofi, della Pallotta, ecc), ne restano i più grandi e necessari da risolvere!
  • ►► leggi ancora ◄◄

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*