Corso Garibaldi, Tamburi, la politica della nostra città ha fallito

Perugia, la sicurezza della città, oramai, è andata a farsi benedire

da Giampiero Tamburi (Coordinatore P:SC)
Corso Garibaldi, Tamburi, la politica della nostra città ha fallito. Le situazioni di criminalità, a Perugia, hanno assunto una forma “patologica” che sarà molto difficile controllare perché la politica della nostra città, in passato, come ora, (e se continua così anche in futuro) ha fallito il suo compito di dare una maggiore sicurezza reale ai suoi cittadini!

C’è poco da commentare! “Corso Garibaldi (quartiere Sant’Angelo) come Fontivegge! È successo alcuni giorni fa in Corso Garibaldi a Perugia: Sfregiato in viso perché ha denunciato un pusher. Un atto di criminalità (come si usa dire ora “microcriminalità” per non destare timore nella gente) che in se per se può sembrare un incontro violento tra bande e che, invece, nasconde un significato profondo e pericolosissimo per tutti quei cittadini che si sentono in coscienza di fare il proprio dovere verso se stessi e la società denunciando chi va contro la legge e che, di fatto, non hanno la possibilità di essere tutelati nei confronti della malavita; organizzata e non.

Il Sindaco Romizi può annunciare mille volte il “pugno duro” contro questi deprecabili avvenimenti ma in più di 4 anni di gestione del Comune, la politica messa in atto per una maggiore sicurezza della città e dei singoli cittadini, non ha dato neanche un grammo dei suoi frutti!

La colpa, comunque, non è solo della Giunta di maggioranza ma, ed anche in modo abbastanza consistente, ugualmente dell’opposizione di sinistra che non ha saputo, in tutto questo tempo, dare un indirizzo concreto di gestione dell’opposizione, dando solo priorità ai problemi di minima importanza e non incidendo e perseverando a fondo su quelli che contano per cambiare significativamente le cose.

Mai, da quando il problema si è presentato in modo così pesante e pericoloso, ne dalla destra ne dalla sinistra, è stato messo in atto un piano programmato: tutto è stato fatto in modo estemporaneo secondo le esigenze del momento specifico. Dichiarazioni dal suono squisitamente politico ma che, in effetti, non sono mai seguite da provvedimenti atti a migliorare (almeno con un piccolo passo avanti nella sicurezza) le situazioni che, sempre più, andavano e vanno aggravandosi.

Anche in questo disgraziatissimo caso, come del resto in ogni altra situazione, il Sindaco Romizi e il suo vice Barelli, hanno dichiarato di voler (ancora una volta) mettere in atto una soluzione che (a loro) sembra essere la “Cartina di Tornasole”: più luce e più telecamere (!). Ridicolo!!!!! Amaramente c’è solo una costante da fare per quanto riguarda la politica portata avanti nel Comune; tanto la destra quanto la sinistra non prendono mai sul serio le cose serie!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*