Acciai Speciali Terni, ecco il primo bilancio di sostenibilità

Acciai Speciali Terni, ecco il primo bilancio di sostenibilità

Per essere competitiva un’azienda deve ormai integrare la sostenibilità all’interno delle proprie strategie e legare i risultati economici a ricadute positive per le comunità in cui opera. Acciai Speciali Terni ha risposto a questa nuova sfida, presentando oggi a Roma il suo primo bilancio di sostenibilità. Un report che si affianca a quello economico per valutare l’impatto dell’azienda sul territorio in cui opera e sugli stakeholder con cui si relaziona. La presentazione si è svolta a Palazzo San Macuto, a Roma, alla presenza, tra gli altri, dell’onorevole Barbara Saltamartini, presidente della Commissione attività produttive della Camera, il senatore Gianni Girotto, presidente della Commissione attività produttive del Senato , l’onorevole Rossella Muroni della Commissione ambiente della Camera e Mauro Agostini, direttore generale di Sviluppumbria.

«La sostenibilità in tutte le sue accezioni (ambientale, sociale, economica) è per AST un valore e al tempo stesso una strategia», ha spiegato l’amministratore delegato Massimiliano Burelli, illustrando il bilancio di sostenibilità insieme a Massimo Calderini, direttore di stabilimento di Ast, e Francesco Ferrante, di Greening Marketing Italia. «Per questo AST – ha aggiunto Burelli – pur non rientrando tra soggetti per i quali la legge prevede tale adempimento come obbligatorio, volontariamente ha deciso di presentare il rapporto di sostenibilità. Un atto di trasparenza e di responsabilità sociale».

Il report contiene un’analisi rigorosa e approfondita delle attività aziendali, con riferimento ai dati dell’anno fiscale 2017/2018 (dal 1 ottobre 2017 al 30 settembre 2018) e una serie di indicatori di circolarità che misurano le sue performance rispetto agli obiettivi della strategia dell’Unione Europea per l’economia circolare.AST intende dimostrare che il settore dell’acciaio può essere uno dei protagonisti virtuosi della transizione alla circular economy. Già oggi le attività di AST sono positivamente orientate in questa direzione: ne sono esempio l’uso prevalente di materiali provenienti da riciclo e di tecnologie avanzate, l’importante progetto di recupero delle scorieche pone AST all’ avanguardia sul piano europeo e l’impianto di recupero del calore per la generazione di vapore inaugurato pochi mesi fa, che migliora l’efficienza energetica e consente di risparmiare 15 milioni di tonnellate di gas ogni anno.

Sostenibilità ambientale

Grazie alle scelte tecnologiche adottate e alle azioni intraprese, AST negli ultimi anni ha raggiuntobuone performance per quanto riguarda l’efficienza nell’uso dei materiali, la riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas serra, la riduzione dei rifiuti. I numericonfermano questi risultati:

  • Economia circolare: il 58,8% dei materiali utilizzati proviene da riciclo (rottami).
  • Riduzione dei rifiuti: la quantità di rifiuti per unità di prodotto si è ridotta del 19,3% nel triennio.
  • Riduzione deigas ad effetto serra: le emissioni per unità di prodotto si sono ridotte del 5,9%.
  • Efficienza energetica: i consumi di energia per unità di prodottosi sono ridotti dell’1,6%
  • E’ stato realizzato un impianto di recupero del calore per la generazione di vapore, il primo in Italia di questo tipo, che migliora l’efficienza energetica, consente di risparmiare 15 milioni di tonnellate di gas ogni anno (con 30.000 tonnellate di emissioni di CO2 evitate).
  • E’stato messo a punto un progetto per ilriciclo delle scorie (oltre 300.000 tonnellate all’anno), con la società finlandese Tapojarvi. Un progetto di avanguardia in Europa e nel mondo ispirato ai principi della circular economy, verso l’obiettivo “rifiuti zero”, con un investimento di circa 60 milioni di euro.
  • Eco-innovazione: 6,6 milioni di euro di investimenti ambientali nell’ultimo anno e 34 milioni di euro di spesa per la tutela ambientale
  • Qualità dell’aria: le emissioni di polveri (PM10) si sono ridotte del 39% nel triennio
  • Rinaturalizzazione del parco scorie: è stato predispostoun progetto per la rigenerazione urbana e la riqualificazione del territorio

 

Sostenibilità economica 

Il report evidenzia i risultati positivi conseguiti nell’ultimo esercizio e il consolidamento della inversione di tendenza rispetto agli anni precedenti, grazie alle strategie intraprese. A partire dal 2015/2016, AST è infatti tornata in utile dopo otto esercizi con risultato negativo. L’Azienda ha reagito alle difficoltà rimettendo in ordine i conti, conquistando nuovi spazi di mercato, puntando sulla qualità dei prodotti e dei servizi, sviluppando processi di innovazione.

Al tempo stesso ha scelto di orientare sempre più le proprie strategie nella direzione della sostenibilità ambientale, nella convinzione che ciò rappresenti una sfida non solo giusta dal punto di vista della responsabilità sociale ma anche vincente sotto il profilo della competitività economica.

I risultati del bilancio di esercizio al 30 settembre 2018, consolidando il trend positivo degli ultimi anni, confermano che la strategia intrapresa sta dando i suoi frutti. Il progressivo miglioramento dei risultati economici è frutto di una strategia di incremento dell’efficienza produttiva, di riposizionamento sui mercati e di riduzione dei costi.

  • Produzione: 018.211 tonnellate (+6,2%)
  • Fatturato: 813.458.000 euro (+8,3%)
  • Risultato netto: 731.000 euro (+12,2%)
  • Investimenti: 592.000 euro

gli altri paesi europei, mentre il restante 7% è

Sostenibilità sociale

Il report evidenzia in particolare gli indicatori relativi all’occupazione, alla salute e alla sicurezza sul lavoro, oltre all’impegno per la legalità ed il rispetto dei diritti umani, e più in generale i forti legami con il territorio e la comunità locale.  AST aderisce a Transparency International ed è una delle 14 grandi aziende italiane che fanno parte del Business Integrity Forum, l’iniziativa di Transparency International Italia per aumentare la trasparenza, l’integrità e la responsabilità del settore economico del nostro Paese attraverso la collaborazione con grandi aziende italiane; ha inoltre sottoscritto un apposito protocollo con la Prefettura di Terni. Non utilizza minerali che provengono da zone con conflitti armati.

La sicurezza sul lavoro è una priorità. E’ in calo il numero degli infortuni: 17 nel 2017/18, a fronte di 20 nell’anno precedente e 24 nel 2015/16. L’indice di gravità degli incidenti è più che dimezzato nell’ultimo triennio. Nel 2018 è stato rinnovato il Protocollo Salute Ambiente e Sicurezza, sottoscritto con le istituzioni e le organizzazioni sindacali.

Larga parte delle attività di formazione sono finalizzate alla sicurezza sul lavoro. AST infine contribuisce non solo allo sviluppo economico del territorio ma anche a quello sociale e culturale, attraverso il Circolo Lavoratori Terni (9.604 iscritti), la Cassa Mutua aziendale (3.264 assistiti) e attraverso collaborazioni con scuole, Università, associazioni e istituzioni locali.

Commenta per primo

Rispondi