Spaccio di droga al parco Sant’Anna, arrestato un 38enne grazie a you-pol

 
Chiama o scrivi in redazione


Parco Chico Mendez, blitz Polizia, trovati due stranieri, uno reagisce

Spaccio di droga al parco Sant’Anna, arrestato un 38enne grazie a you-pol. Alla Sala Operativa della Questura, con il sistema you-pol, era giunta una segnalazione di spaccio di droga nei pressi del parco Sant’Anna. Le volanti arrivando sul posto hanno notato un ragazzo italiano 38enne che, nel parcheggio di via Fonti Coperte, stava inalando una qualche sostanza. I poliziotti provvedevano allora al suo controllo e gli trovavano, oltre a quanto già inalato, una piccola dose di eroina.

Il 38 enne italiano veniva segnalato alla Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti e, avendo la materiale e immediata disponibilità di un’autovettura, si vedeva ritirata la patente di guida.

La piattaforma you – pol, a testimonianza della funzionalità dell’applicazione, consentiva al cittadino di segnalare alla Polizia anche le caratteristiche fisiche dello spacciatore presente nei pressi del parco S.Anna.

LEGGI ANCHE: Venticinque spacciatori in manette, duro colpo allo spaccio al dettaglio, libero parco Verbanella

I poliziotti sul posto localizzavano lo spacciatore, risultante per un cittadino tunisino 32 enne, che, alla vista degli Agenti, si dava alla fuga facendone nascere un inseguimento. I poliziotti riuscivano a bloccare il cittadino tunisino il quale opponeva resistenza al fermo da parte della Polizia; dal suo controllo emergeva una piccola quantità di cocaina, due telefoni cellulari ed una somma di oltre cento euro.

Inoltre, dagli accertamenti informatici emergeva un ordine di esecuzione per la carcerazione del cittadino tunisino per l’espiazione di una pena superiore ai due anni di carcere, per spaccio di sostanze stupefacenti avvenuto a Perugia.

Al termine delle attività, il 38enne tunisino veniva deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di resistenza a pubblico Ufficiale e di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, dando inoltre esecuzione all’ordine di carcerazione accompagnandolo presso la locale casa circondariale a disposizione della Magistratura.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*