Coronavirus, Altotevere e Orvietano sono le zone più colpite

 
Chiama o scrivi in redazione


Si riducono gli attualmente positivi, l'Umbria reagisce bene, più guariti e meno in isolamento

Coronavirus, Altotevere e Orvietano sono le zone più colpite

L’Altotevere è la zona dell’Umbria che paga di più. Sono undici i decessi dall’inizio dell’emergenza: 9 solo a Città di Castello, uno a Citerna e uno a Umbertide.

I contagiati a Città di Castello sono 85, di cui uno guarito, Umbertide è a quota 17, a San Giustino 16 persone positive. Sono centinaia le persone in isolamento domiciliare in Altotevere. I pazienti ricoverati all’ospedale di Città di Castello sono 36, sei i ricoverati in terapia intensiva. Nelle scorse ore a Umbertide il primo decesso per coronavirus: si tratta di una persona di 91 anni da tempo ricoverata in una struttura sanitaria che purtroppo non ce l’ha fatta.

Dopo un paio di giorni ferma a 39 casi, a Orvieto ha ricominciato a correre la conta dei cittadini residenti positivi al Co- vid-19. Con apposite ordinanze, ieri, la sindaca Roberta Tardani, ha disposto infatti l’isolamento contumaciale per altri tre residenti nel comune di Orvieto risultati positivi al Covid-19.

45 le persone residenti e domiciliate nel comune di Orvieto che a oggi risultano essere positive al Covid-19. Di queste 29 si trovano in isolamento contumaciale presso la propria abitazione, 16 sono invece ricoverate nelle strutture ospedaliere della regione.  La città di Orvieto è  uno dei comuni con il maggior numero di conta- giati dopo Perugia (301), Città di Castello (85), Gubbio (55), Terni (90).

In quest’ultima dei 90 positivi solo cinque sono ricoverati all’ospedale Santa Maria, perché il virus ha colpito purtroppo i loro polmoni. Gli altri 86 si trovano in isolamento fiduciario e ben 36 sono stati dichiarati cli- nicamente guariti mentre quelli che hanno ancora dei sintomi sono quindi 49. Solo due sono i pazienti guariti definitivamente, con il doppio tampone negativo. Per la Regione i decessi legati al Coronavirus sono due, oltre alla donna di 81 anni residente a Campomicciolo con la famiglia deceduta al Santa Maria, è stato conteggiato anche un anziano trovato senza vita nella sua abi- tazione a Villaggio Matteotti al quale non è stato mai fatto il tampone, ma che aveva tutti i sintomi del virus.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*