Chiusa indagine su fornitura pasti ai terremotati, avviso anche a Nicola Alemanno

Avviso anche a sindaco Norcia. "Ho solo dato risposte cittadini"

Chiusa indagine su fornitura pasti ai terremotati, avviso anche a Nicola Alemanno

E’ stato notificato a quattro degli otto indagati l’avviso di conclusione delle indagini per l’affidamento del servizio di erogazione pasti ai terremotati e per il trasporto pubblico scolastico a Norcia. Il provvedimento riguarda il sindaco Nicola Alemanno, due dipendenti comunali (una in pensione) e Anna Pizzichini, la madre del consigliere regionale Vincenzo Bianconi, inizialmente coinvolto ma ora uscito dall’inchiesta così come il padre, il fratello e un altro dipendente comunale.

Fonte Agenzia nazionale di stampa associata


La procura della Repubblica di Spoleto, oltre a contestare al sindaco il falso materiale e quello ideologico in atti pubblici per l’affidamento del trasporto scolastico dei bambini nell’anno scolastico 2017-2018, adesso aggiunge anche il reato di peculato. Perché si sarebbe appropriato – secondo l’accusa – di 720 euro nell’ambito di un giro di fatture da saldare in favore dello Sporting Salicone, la società di cui è legale rappresentante Pizzichini. Che invece è accusata di frode in pubbliche forniture, stesso reato del quale è chiamata a rispondere una delle due dipendenti comunali. L’altra, ormai in pensione, è accusa invece di falsità materiale.



“Ancora una volta mi ritrovo a porre tutta la mia fiducia nella magistratura” ha detto all’Agenzia nazionale di stampa associata Alemanno. “Mi ritrovo in questa inchiesta – ha aggiunto – soltanto perché, per 15 giorni, ho dovuto assumere la responsabilità dell’Area affari generali del Comune essendo andata in pensione la dirigente. Detto questo faccio enorme fatica a comprendere quale reato possa aver commesso, se non quello di aver dato risposte alle esigenze dei miei cittadini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*