Celebrazioni 11 agosto, CasaPound Terni replica alle polemiche

Celebrazioni 11 agosto, CasaPound Terni replica alle polemiche. Si è svolta questa mattina in Via Lanzi la cerimonia pubblica di commemorazione dei cittadini ternani morti durante il primo bombardamento angloamericano dell’undici agosto 1943, su cui si sono sollevate delle inutili, quanto fantasiose polemiche da parte dell’Anpi.
“Non spetta di certo all’Anpi decidere su chi debba partecipare oppure no ad una celebrazione pubblica – dichiara in una nota il responsabile provinciale di CasaPound Italia, Piergiorgio Bonomi  – così come non spetta all’Anpi autoarrogarsi l’esclusiva sui caduti della Seconda Guerra Mondiale o peggio ancora scrivere il discorso pubblico del Sindaco a loro piacimento”.
“A 75 anni da questi drammatici eventi è da elogiare invece il comportamento del Sindaco Latini che ha voluto includere tutte le forze politiche nel ricordare i morti civili dei bombardamenti su Terni, perchè i morti furono di ogni estrazione sociale e di ogni credo politico. E’ fondamentale ribadire che essere custodi della memoria storica di Terni è diritto/dovere di ogni soggetto politico, e mi dispiace constatare che l’Anpi ed il consigliere di Senso Civico non perdono occasione per sollevare sterili polemiche su tutto creando un clima di divisione e di odio politico”.
“Consiglio inoltre all’Anpi di ricostruire con minor faziosità i fatti di questa mattina,  in quanto la corona è stata deposta da un incaricato del fioraio mezz’ora prima dell’inizio della cerimonia pubblica e posizionata lateralmente proprio per evitare una sovrapposizione con la celebrazione ufficiale.
Se hanno a cuore come noi il ricordo dei morti dei bombardamenti li invitiamo a procedere come ha fatto CasaPound Italia Terni  giovedì scorso, cioè ripulendo il monumento  dedicato ai caduti dei bombardamenti nel nostro cimitero comunale, lasciato colpevolmente nell’oblio generale”.

Euronews Live

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*