Terni, l’aula di ascolto protetto per i minori diventa realtà

Inaugurata presso la sede della Procura grazie alla collaborazione del Soroptimist International d’Italia, Club di Terni

Terni, l’aula di ascolto protetto per i minori diventa realtà

Inaugurata presso la sede della Procura grazie alla collaborazione del Soroptimist International d’Italia, Club di Terni

Si è tenuta oggi, presso la sala rossa di Palazzo Gazzoli, l’inaugurazione dell’aula di ascolto protetto per i minori, istituita presso il terzo della sede della Procura della Repubblica di Terni.

La nostra non è un’aula, ma una casa di ascolto, avendo dedicato a questo servizio un intero appartamento presso i locali della Procura. I locali, studiati appositamente anche dal punto di vista dell’arredo, hanno consentito di creare una comfort zone per far si che le piccole vittime di abusi e crimini o di cause civili famigliari, si trovino a proprio agio nel momento in cui vengono ascoltati per indagini penali o civili”. E’ quanto affermato dal Procuratore di Terni, Alberto Liguori nel suo intervento nel corso della conferenza stampa di presentazione degli spazi.


di Rossano Pastura


L’iniziativa è stata possibile grazie alla volontà e all’impegno del Procuratore della Repubblica dott. Alberto Liguori in collaborazione con il Soroptimist International d’Italia, Club di Terni e della sua presidente Avv. Stefania Capponi.

Le parole della Presidente del Soroptimist Club di Terni

“Il Soroptimist International d’Italia, già nel biennio 2011-2013 aveva riscontrato una grave carenza nei tribunali italiani, di luoghi idonei che permettessero l’ascolto dei minori – ha dichiarato l’avv. Stefania Capponi, – tutelandoli dal processo e nel rispetto delle garanzie difensive e così ha iniziato una collaborazione fattiva, per l’allestimento nei palazzi di giustizia di aule per l’ascolto protetto. Anche presso il Tribunale di Terni, nel settembre del 2013 era stata inaugurata un’aula per l’ascolto protetto, presso un locale che era in dotazione alla Procura della Repubblica. Purtroppo, con il trasferimento della Procura presso Palazzo Gazzoli, l’aula venne smantellata e non riallestita” .

“Oggi – ha concluso la Capponi – grazie alla determinazione e al sostegno del Procuratore della Repubblica, dott. Alberto Liguori e all’impegno del Soroptimist Club di Terni, possiamo ripristinare questo importantissimo servizio, inaugurando un nuovo allestimento che destina un intero piano del palazzo della Procura, a tale scopo”.

L’intervento del Procuratore Liguori

“L’aula di ascolto protetto del minore, potrà inoltre essere utilizzata anche nelle cause civili relative all’affidamento – ha aggiunto il Procuratore Liguori – stante il diritto del fanciullo capace di discernimento, di essere ascoltato nei procedimenti che lo riguardano, principio statuito dapprima dalla Convenzione di New York del 20 novembre del 1989 e ormai ampiamente recepito nel nostro sistema normativo e 2 ampliato anche nella riforma sulla filiazione di cui alla legge n. 219 del 10 dicembre del 2012″.

L’aula consiste in una stanza dotata di un impianto di videoregistrazione, di un microfono nascosto e arredata con mobili colorati a misura di bambino, dotata di giocattoli e permette che il minore, vittima o testimone di reati, possa essere ascoltato senza traumi, solo dal magistrato affiancato da uno psicologo, senza subire il confronto diretto con le altre parti processuali e soprattutto con il presunto abusante, in modo da evitare condizionamenti e assicurare la genuinità della testimonianza. Inoltre, l’impianto di videoregistrazione, la presenza di un telefono interno, garantisce che le altre parti processuali, possano- in diretta- da un’altra stanza, senza essere visti dal minore, sentire la testimonianza e intervenire dopo l’esame, con proprie domande, nel rispetto del principio del contraddittorio e del diritto di difesa. L’ascolto del minore con queste modalità, sottraendolo alla pubblicità dell’udienza, consente un’audizione protetta proprio perché attuata rispettando le particolari esigenze di protezione del bambino” ha spiegato il procuratore Liguori.

Anche il Procuratore generale di Perugia, Sergio Sottani, ha sottolineato come sia importante la presenza a Terni di uno spazio di questo tipo, sottolineando come “quest’aula per l’audizione protetta dei minori servirà a tutti gli uffici della regione. Si tratta di uno spazio ottimale per le interviste investigative riservate ai minori ai fini processuali”.

All’inaugurazione ha partecipato la Presidente del Soroptimist International d’Italia, la dott.ssa Giovanna Guercio, che ha illustrato l’attività e l’impegno dell’organizzazione da lei presieduta.

“Questa inaugurazione ci riempie d’orgoglio – ha spiegato la presidente Guercio – perché rappresenta un modello emblematico su come l’associazione opera. Già dal 2011 il Soroptimist a livello nazionale prese coscienza della carenza di strutture come questa, che consente di preservare i minori da traumi ulteriori rispetto a quanto già subito nel corso della loro esistenza”.

“In Italia abbiamo già realizzato 80 strutture di questo tipo. Devo ringraziare per questo la presidente del Club di Terni, l’avv. Capponi e il Procuratore di terni, dott. Alberto Liguori, oltre a tutte le soroptimiste del club di Terni” ha concluso la Guercio.

Il sindaco Latini

“L’auspicio è quello che queste aule siano meno frequentate possibile, perché significherebbe che la nostra città non subisce queste esperienze dolorose. Ringrazio il Soroptimist e il procuratore Liguori per questa iniziativa che dota la nostra comunità di un servizio fondamentale per la tutela dei minori” ha detto il sindaco di Terni, Leonardo Latini.

Alla cerimonia, oltre alla Presidente del Soroptimist International D’Italia Dott.ssa Giovanna Guercio, erano presenti alte cariche della magistratura, dell’avvocatura e le autorità civili e religiose.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*