Perugia città pet friedly botti approvato odg Morbello  

Perugia città pet friedly botti approvato odg Morbello  

Perugia città pet friedly botti approvato odg Morbello

La IV Commissione Cultura, presieduta dal consigliere Michele Cesaro, ha discusso l’ordine del giorno presentato dalla consigliera penta stellata Morbello per fare di Perugia una città pet friendly, approvato poi all’unanimità, e la proposta della capogruppo PD Sarah Bistocchi per l’adozione di un regolamento di divieto dei botti, petardi e artifici pirotecnici, per l’incolumità pubblica e degli animali. La votazione di quest’ultimo atto è stata, invece, rinviata per ulteriori approfondimenti.

Alla seduta hanno preso parte anche la prof.ssa Paola Madrigali Tentori, presidente Enpa e responsabile del canile comunale, Graziella Crescentini Gori, presidente della Lav e Alice Delicati, presidente Associazione Vegani Italiani – Avi Umbria.

“Nel nostro Paese –ha spiegato Morbello, illustrando l’ordine del giorno – ci sono circa 60 milioni di animali domestici a fronte di una popolazione di circa 60 milioni di persone (fonte Istat): il 55,6% degli italiani ha in famiglia un cane, mentre il 49,7% un gatto ed è ormai noto che gli animali domestici contribuiscono al miglioramento della qualità della vita delle persone. Eppure, le città faticano ad adeguarsi alle nuove esigenze dei cittadini che portano a spasso i loro compagni di vita.

Perugia, a suo avviso, può e deve diventare una città pet friendly, ma perché ciò accada occorre il contributo di diversi attori, dall’amministrazione comunale che dovrà muovere le fila e prendere iniziative al riguardo. Occorrerà, innanzitutto, prevedere in materia un nuovo Regolamento comunale in cui si prendano misure miranti a consentire agli animali domestici di salire in sicurezza sui mezzi pubblici, a predisporre all’interno dei parchi delle aree per cani zone ben attrezzate, a dotare la cittàdi servizi per i turisti che viaggiano con i loro amici animali.

Le politiche adottate negli ultimi anni dal Comune di Perugia appaiono insufficienti e, per tali ragioni, il Movimento 5 Stelle ha giàproposto un emendamento, poi recepito, alle linee programmatiche del Sindaco.

Del resto –ha precisato ancora la proponente- il livello di civiltà di una società si stima anche in considerazione del benessere degli animali domestici, cui ruolo è ormai centrale all’interno delle famiglie nonchéin ambito medico (c.d. pet therapy). Per questo, ho proposto l’ordine del giorno con cui si impegna il Sindaco e la giunta a rendere Perugia una città pet friendly adottando, anche con modifiche regolamentari, le misure suddette, a potenziare, in collaborazione con le associazioni/istituzioni che operano nel settore, politiche miranti alla tutela degli animali; a ridurre il randagismo e a promuovere, in collaborazione con Regione e altri organi territoriali competenti, convenzioni sanitarie (tipo mutua degli animali) per la cura degli animali domestici in favore dei cittadini appartenenti alle fasce di reddito più basse”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*