Avvelenato Kaos, ammazzato il cane eroe del cratere del terremoto del Centro Italia

 
Chiama o scrivi in redazione


Kaos, il cane soccorritore è morto per avvelenamento

Avvelenato Kaos, ammazzato il cane eroe del cratere del terremoto del Centro Italia

CANE EROE AVVELENATO, LEGA ITALIANA PER LA DIFESA DEGLI ANIMALI E DELL’AMBIENTE: “CRUDELTA’ RIPUGNANTE, DANNO INCALCOLABILE” “Non è stato ucciso un cane, è stato ucciso un eroe: un cane addestrato a salvare le  vite degli altri, le nostre vite”. Lo sottolinea Simona Bazzoni, responsabile organizzativo della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, commentando la morte di Kaos, pastore tedesco protagonista dei soccorsi nel “cratere” del terremoto che ha colpito l’Italia centrale, ad Amatrice, Norcia e Campotosto.

“Non si tratta soltanto della solita cieca crudeltà, sempre ripugnante”, afferma Bazzoni. “Il danno arrecato – ricorda – è incalcolabile perché non tutti i cani sono adatti a diventare cane da soccorso e ci vogliono tanto tempo e tante risorse per trovare un vero eroe”.

Al proprietario di Kaos, Fabiano Ettorre – conclude – va tutto il nostro affetto, in questo difficile momento. Alle forze dell’ordine chiediamo indagini serie e scrupolose e il massimo della pena per il responsabile di un simile gesto. Chissà, se mai questa persona si trovasse in pericolo, non troverà Kaos a salvarla”.

2 Commenti

  1. Salve vorrei dire al proprietario di kaos che è stato avvelenato perchè qualcuno voleva o vuole fargli una visita non di cortesia diciamo che potrei definirmi un sensitivo perchè i morti che appartengono alla mia famiglia mi stanno aiutando per risolvere dei miei problemi, prego la redazione di avvertire l proprietario di questa mia intuizione

  2. Io penso che chi è stato non debba morire nel suo letto ma se dovesse accadere deve morire tra i dolori più atroci molto lentamente e per moltissimo tempo. Dalla giustizia non bisogna aspettarsi molto tanto vanno tutti a scontare le pene a casa quindi che parliamo a fare. Ci sono moltissimi episodi crudeli verso gli animali anche con danni fisici contro i denuncianti. Bisogna aumentare le pene, reali, non solo sulla carta anche per gli umani. Certo chiamare umano chi ha fatto questo mi resta difficile pensarlo. Un abbraccio affettuoso al suo istruttore certamente gli mancherà un vero amico a quattro zampe gli sono molto vicino. Uccidere, a prescindere, un animale che ha anche fatto tutto questo bene per noi è immorale.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*