Vendita dell’Ast, Marcegaglia e Arvedi in prima posizione

 
Chiama o scrivi in redazione


Vendita dell’Ast, Marcegaglia e Arvedi in prima posizione

La procedura per la vendita di Ast è partita con la l’avvio della fase 1. La gestione è affidata all’advisor JP Morgan. Marcegaglia e Arvedi sono in prima posizione, ma potrebbero entrare nella partita colossi della siderurgia come China Baowu Group, Nippon Steel, la coreana Posco.

“Era già nell’aria – dice il segretario nazionale della Fismic, Giovacchino Olimpieri – ma ora che si è attivato l’iter le istituzioni locali, il Governo e la politica devono monitorare tutta la fase per farsi che le richieste avanzate dalla organizzazioni sindacali siano salvaguardate. La prima fase dovrebbe concludersi forse entro due mesi, mentre per definire il passaggio al nuovo acquirente la fine dell’anno fiscale, il 30 settembre”.

“Dopo tanti mesi di incertezza questo potrebbe essere un primo elemento di chiarimento: a dirlo è il segretario generale provinciale della Fiom Cgil, Alessandro Rampiconi.
Come sindacato abbiamo ribadito a Burelli le rivendicazioni che riguardano l’integrità del sito, investimenti per garantire almeno un milione di tonnellate di acciaio colato, piena occupazione dei lavoratori diretti ed indiretti. A questo punto ritornano in gioco le istituzioni e il Governo per garantire quanto promesso”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*