Ast di Terni, ministro Patuanelli conferma interesse di Marcegaglia e Arvedi

 
Chiama o scrivi in redazione


Ast Terni allunga la fermata di maggio, fino a fine mese

Ast di Terni, ministro Patuanelli conferma interesse di Marcegaglia e Arvedi

Si registrano i primi movimenti rispetto al futuro di Ast, in attesa dell’incontro di domani al Mise. Governo, Regione e sindacati si preparato alla trattativa. “L’Ast di Terni è un’azienda strategica nazionale che va tutelata nel pieno rispetto di una procedura privata di cessione. L’obiettivo dell’incontro di domani è trovare una soluzione condivisa che consenta di proseguire nell’attività produttiva dello stabilimento e tutelare i lavoratori”.

Lo dichiara il Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli. “Oggi – annuncia una nota del Mise – si è svolto oggi al Mise in videoconferenza, in un clima positivo, l’incontro preparatorio in vista del tavolo su Ast di Terni in programma per la giornata di domani. Insieme ai Sottosegretari Alessandra Todde e Alessia Morani ci siamo confrontati con i parlamentari rappresentanti di tutte le forze politiche sul futuro del sito siderurgico”.

“Ritengo – ha aggiunto il ministro Pautanelli che la presenza di player italiani possa essere una garanzia di non trovarci nuovamente con imprenditori che promettono investimenti nel nostro Paese e poi cercano di chiudere lo stabilimento e di arretrare le loro posizioni”.

Per quanto riguarda la trattativa di cessione, sempre il ministro Pautanelli ieri, ha detto che al sito di viale Brin «ci sono almeno due soggetti storicamente interessati: Marcegaglia e Arvedi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*