✍ I Racconti – L’anniversario della morte di Sildo, per anni aveva militato nel Torgiano

Sildo aveva conosciuto ed era diventato amico di alcuni piloti delle Frecce Trciolori

 
Chiama o scrivi in redazione


L’anniversario della morte di Sildo, per anni aveva militato nel Torgiano

di Elio Clero Bertoldi
PERUGIA – Il dodicesimo anno della morte, sul lavoro, di Sildo Nicolini, 51 anni, perugino. Un maledetto infortunio in un cantiere edile a Tordandrea di Assisi stroncò l’esistenza di quest’uomo, colpito da un carrello di una gru e precipitato al suolo da una altezza di dodici metri. I familiari sono rimasti assetati di giustizia perché il processo é finito, un paio di anni fa, in prescrizione, come molti procedimenti, anzi troppi, in Italia.

Resta il ricordo di Sildo che era stato studente di medicina fino al quarto anno e che, dopo la morte del padre, aveva interrotto e lasciato gli studi, trovando un lavoro da muratore. Tra l’altro Nicolini era stato pure un promettente calciatore. Per anni aveva militato nel Torgiano ed aveva anche avuto l’opportunità, ancora ragazzino, di essere entrato nel mirino del Torino. La madre però non aveva voluto, e forse anche lui, che si allontanasse così giovane da casa e che in una età delicata per la crescita rimasse lontano dagli affetti familiari.

Leggi anche – Polemica Frecce Tricolori, il botta e risposta tra Romizi e Verini

Eppure la triste ricorrenza, per altro nel giorno del Volo delle mitiche Frecce Tricolori sull’Umbria, di oggi riveste un aspetto singolare. Per un caso proprio in questa giornata sul cielo di Perugia e di Assisi sono sfrecciate le Frecce Tricolori.

Durante il servizio militare prestato in Friuli, Sildo aveva conosciuto ed era diventato amico di alcuni piloti. Per i familiari, tra i quali la sorella Viviana, questa particolarità, assume un significato quasi di celebrazione. Come se le nuove generazioni delle Frecce Tricolori (foto) gli avessero reso in qualche modo omaggio, a nome dei loro predecessori, con questo passaggio sui cieli dell’Umbria.

Tra l’altro a San Martino in Campo, dove Sildo era cresciuto ed aveva abitato, stanno pensando a rinnovare il suo ricordo con una qualche iniziativa. Chissà che l’amministrazione comunale non possa raccogliere il testimone…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*