Coppa Italia: tripletta del Brescia, Perugia ha svolto un allenamento

 
Chiama o scrivi in redazione


Coppa Italia: tripletta del Brescia, Perugia ha svolto un allenamento

Coppa Italia: tripletta del Brescia, Perugia ha svolto un allenamento

di Elio Clero Bertoldi
PERUGIA – Tutto come da copione. Lopez voleva fortemente superare il turno e ci é riuscito senza grandi problemi mandando sul terreno la squadra migliore possibile (contava su diverse assenze). Il Brescia ha liquidato la pratica Perugia con un rotondo 3-0. I biancorossi comuni pur non brillando hanno tenuto un buon ritmo. Caserta utilizza il confronto di Coppa Italia per mettere minuti nelle gambe dei giocatori che hanno giocato di meno e prova anche due minorenni – il difensore debuttante Tozzuolo e l’attaccante Lunghi – per saggiare le loro qualità e la possibilità, in caso di necessità, di poterli utilizzare. Più agguerrito l’undici di Lopez che schiera una squadra maggiormente performante (e di serie B) e offre il destro al forte Dimitri Bisoli (figlio dell’ex giocatore ed ex allenatore Pier Paolo) di rientrare in campo dopo l’infortunio che lo ha lasciato fuori per sette mesi. La prima azione pericolosa la costruisce il Perugia con un cross lungo non sfruttato, ma il vento cambia quasi subito.

Dopo un bell’intervento di Fulignati su conclusione violenta di Jagiello, proprio Bisoli, vivacissimo sin dall’avvio, porta in vantaggio, al 10′, con un tiro imprendibile da fuori area, violento e appena sotto la traversa, i padroni di casa. Il possesso di palla resta in mano dei lombardi, un pochino troppo nervosi gli umbri che si beccano due gialli (Sounas e Crialese) in mezz’ora. Rigore al 26′: l’esordiente Tozzuolo atterra Skrabb. Aglietti, con freddezza, realizza spiazzando Fulignati.

Il primo tempo, col Brescia padrone del “Brunamonti”, si chiude con un gran tiro di Skrabb fuori dei legni. Nessuna sostituzione alla ripresa del gioco. Pur tenendo il baricentro alto, il Perugia non riesce a concludere contro la solida difesa avversaria. I primi cambi arrivano al 18′ quando entrano Elia, Favalli e Dragomir. Terzo gol al 26′ con Mangraviti, su mischia, di sinistro, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. caserta manda in campo anche MisCati per Konate. Nei minuti finali Skrabb fallisce, clamorosamente, il poker. Il palo, su punizione di Dragomir, impedisce ai biancorossi la soddisfazione, almeno, del gol della bandiera.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*