Umbria ha numeri da zona gialla, ma le disposizione del Cts e dell’Iss indicano altro

 
Chiama o scrivi in redazione


Umbria ha numeri da zona gialla, ma le disposizione del Cts e dell'Iss indicano altro

Umbria ha numeri da zona gialla, ma le disposizione del Cts e dell’Iss indicano altro

Oggi l’Umbria, come si sa è divisa in due colori, ma secondo quanto ha dichiarato la presidente dell’Umbria, Donatella Tesei all’Agenzia nazionale di stampa Associata dell’Umbria, avremmo potuto essere zona gialla, i numeri dicono questo, ha detto. «Con i numeri che oggi abbiamo – ha aggiunto – , se non ci fossero state le disposizioni nazionali, giuste per carità, perché dobbiamo uscirne tutti insieme, evidentemente per Pasqua avremmo potuto avere una maggiore libertà”».

© Protetto da Copyright DMCA

“Avremmo avuto – ha detto ancora Tesei – la possibilità di vivere questo periodo secondo le nostre tradizioni. Da noi la Pasqua è sentita molto ed è vista come un appuntamento importante. La fine dell’inverno, la riapertura, i riti religiosi. Naturalmente in condizioni normali. Sicuramente i tre giorni di zona rossa nazionale hanno un impatto importante”. “Purtroppo oggi – ha rilevato la presidente della Regione – abbiamo solo la zona rossa e quella arancione.

  • Principio di massima cautela del Cts nazionale e l’Iss

E” un principio di massima cautela che il Cts nazionale e l” Iss stanno seguendo con l’ obiettivo di fare in modo di contenere la pandemia e portare avanti il più velocemente possibile il piano dei vaccini, che rappresentano la carta vincente per tutti, anche se c” è sempre l” incognita del numero delle dosi a disposizione”. “La prossima settimana – ha concluso Tesei – rinnoverò la richiesta per l’Umbria di avere dei vaccini in più visto che quelli aggiuntivi chiesti non sono ancora arrivati”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*