Ru486, Cgil Umbria: grazie a mobilitazione donne raggiunto un importante risultato

 
Chiama o scrivi in redazione


Ru486, Cgil Umbria: grazie a mobilitazione donne raggiunto un importante risultato

“Sono passati tanti anni da quando abbiamo iniziato la battaglia per la Ru486, in Umbria come nel resto del Paese. Oggi, anche grazie alla straordinaria mobilitazione partita da Perugia, possiamo incassare un primo importante risultato, ma il nostro impegno continuerà fino alla piena applicazione della legge 194”. Così in una nota Barbara Mischianti, segretaria regionale della Cgil dell’Umbria, commenta l’annuncio da parte del ministro Roberto Speranza, dell’aggiornamento delle linee guida sulla somministrazione della pillola abortiva Ru486 che potrà avvenire senza alcun bisogno di ricovero e fino a nove settimane di gestazione (anziché sette).
“Ora la Regione Umbria deve immediatamente cancellare la delibera liberticida che costringe le donne al ricovero di tre giorni e provvedere ad applicare le direttive che arrivano dal Consiglio superiore di sanità – continua Mischianti – ma questo da solo non è sufficiente. C’è bisogno di potenziare i consultori e i servizi territoriali, di garantire contraccezione gratuita (come prevista dalla legge 194), così come di regolare il fenomeno dell’obiezione di coscienza dei medici, per far sì che un giusto intervento normativo non resti solo sulla carta”. “Intanto, però – conclude Mischianti – abbiamo avuto ancora una volta la dimostrazione che la lotta delle donne, unite per i propri diritti, è uno strumento potente capace di raggiungere i suoi obiettivi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*