Nuova leadership e apertura 67° corso giovani Rotary Club Perugia

Il Dott. Luca Marinelli prende il timone del Rotary Club Perugia

Nuova leadership e apertura 67° corso giovani Rotary Club Perugia

Nuova leadershipIl Rotary Club Perugia, un’istituzione con una storia che risale al 1936, ha aperto un nuovo capitolo giovedì 4 luglio. In una cerimonia tenutasi a Villa Buitoni, il Dott. Andrea Pedetta ha passato il testimone al Dott. Luca Marinelli, che guiderà il club per il biennio 2024/25 e 2025/26. 

Questo passaggio di consegne coincide con l’apertura del 67° Corso Giovanile Internazionale Rotariano, un evento di grande importanza per il club. Alla cerimonia era presente anche il Governatore 2090, Dott. Massimo De Liberato, alla sua prima uscita ufficiale. 

Il Rotary Club Perugia offre una borsa di studio che permette a otto giovani provenienti da tutto il mondo di studiare all’Università per gli Stranieri di Perugia e di scoprire le meraviglie della regione. 

Il Dott. Luca Marinelli, nel suo primo discorso come presidente, ha sottolineato l’importanza del servizio, dell’amicizia e della crescita personale. Ha inoltre promesso di organizzare importanti service per mantenere alto il nome del club di Perugia. 

Il nuovo consiglio direttivo, oltre al presidente Marinelli, include i vicepresidenti Maria Assunta Mercati ed Attilio Solinas, il prefetto Giulio Petrizzelli, il segretario Angela Dell’Osso, il tesoriere Filippo Bianchini, il comunicatore Michele Marzoli e i consiglieri Verena De Angelis, Massimiliano Donnari, Alfredo Gallina, Ennio Mencaroni e Franco Moriconi. 

Durante la cerimonia, Marinelli ha presentato gli otto studenti internazionali ospiti del club: Elen Hovhannisyan (Armenia), Esteban Sanchez Beristain (Messico), Kristijan Belosevic (Croazia), Marina Emad Abd El-Nour (Egitto), Rebecca Di Matteo (Francia), Svetlana Chilidzhyan (Georgia), Elisabeth McKay (Germania) e Celia Salinas (Spagna). Questi giovani rappresentano il futuro del Rotary e la sua missione di servizio globale. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*