Gravissime disabilità, nessun taglio di assistenza al bambino di Terni segnalato dal consigliere regionale De Luca. 

 
Chiama o scrivi in redazione


Gravissime disabilità, nessun taglio di assistenza al bambino di Terni segnalato dal consigliere regionale De Luca. 

Gravissime disabilità, nessun taglio di assistenza al bambino di Terni segnalato dal consigliere regionale De Luca

TERNI – In merito alla nota diffusa a mezzo stampa dal consigliere regionale Thomas De Luca relativa a presunti tagli all’assistenza domiciliare in favore di un bambino di Terni affetto da gravissime disabilità, la direzione strategica dell’Azienda Usl Umbria 2 ritiene doveroso precisare quanto segue, al fine di fornire una corretta informazione all’opinione pubblica e ai lettori:

Non risulta alcuna riduzione del monte ore di assistenza domiciliare bensì una rimodulazione delle stesse per migliorare e riqualificare il servizio. Su base settimanale sono infatti passate da 36 a 70 le ore di assistenza domiciliare infermieristica mentre la presenza degli operatori socio sanitari è garantita per 28 ore. L’obiettivo è di assicurare prestazioni qualificate e specialistiche nell’interesse del bambino di otto anni affetto da “gravissima disabilità in malattia rara”.

Nonostante le difficoltà a reperire, in questa fase storica, personale infermieristico, l’Azienda Usl Umbria 2 ha messo in campo uno sforzo straordinario con l’assunzione di tre infermieri da dedicare esclusivamente alla gestione di questo caso. Ciò al fine di garantire la continuità assistenziale e ridurre al minimo il turn over degli operatori.

Pur comprendendo la drammaticità della situazione che attraversa la famiglia, l’impegno economico, solo di assistenza alla persona, garantito dall’azienda sanitaria è superiore ai 100 mila euro annui, escluse le spese per presidi, farmaci e contributi regionali e statali (indennità di accompagnamento e legge 104/92 che tutela i lavoratori nell’assistenza a familiari affetti da gravi disabilità).

A ciò si affianca la possibilità, anche per brevi periodi, di usufruire di ricoveri “di sollievo” presso strutture specializzate idonee a gestire pazienti con tali problematiche offrendo un ulteriore supporto ai familiari.

L’erogazione di tale assistenza e servizi viene definita dall’équipe multidisciplinare composta da pediatra, fisioterapisti, neuropsichiatra infantile, psicologo, infermieri, gastroenterologo, pneumologo, oculista, rianimatore per i trasporti medicalizzati e del servizio 118 in caso di emergenza, attraverso la definizione di un PAI, piano di assistenza individuale, che viene ratificato dall’Unità di Valutazione Multidimensionale presente nel distretto sociosanitario di appartenenza.

La mission dell’Azienda Usl Umbria 2 è di assicurare massimo impegno ed attenzione alle attività di cura agli utenti che presentano patologie gravissime ad altissima complessità assistenziale. Un sostegno di grande rilievo in linea con le indicazioni regionali tese a garantire sempre più un servizio equo e solidale ai circa 35 mila portatori di gravi disabilità./Alberto Tomassi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*