Avis Umbria, poco più di 35mila donazioni, calo nel 2019

Tifosi del Perugia, doneranno il sabgue

Avis Umbria, poco più di 35mila donazioni, calo nel 2019

“In Umbria il numero delle donazioni di sangue continua a diminuire. L’obiettivo che si era posto il Centro regionale sangue per il 2019, di 40mila donazioni e 2mila e 500 pratiche di plasmaferesi, non è stato raggiunto, ad oggi”. È stata questa l’amara riflessione del presidente dell’Avis regionale Umbria, Andrea Marchini, e del suo vice, Francesco Petrelli, durante la consueta conferenza stampa di fine anno organizzata a Perugia, martedì 10 dicembre, per presentare dati, attività e iniziative dell’associazione di volontari donatori di sangue dell’Umbria.

Per quanto riguarda le donazioni di sangue in Umbria, prendendo in esame il periodo tra gennaio e novembre 2019, sono state effettuate poco più di 35mila donazioni, a fronte delle 35.465 dello scorso anno. In particolare, la provincia di Perugia si attesta a 28.786 donazioni (nel 2018 erano state 29.001) e la provincia di Terni a 6.267 (nel 2018 erano state 6.464). Scendendo nel dettaglio, le donazioni di sangue intero sono arrivate a 32.741, mentre quelle relative a plasma e donazione mediante aferesi sono rispettivamente di 2.125 e 187.

Alla conferenza erano presenti anche Alfredo Doni, caporedattore del Corriere dell’Umbria, Maria Pia Fanciulli, vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Umbria e responsabile di redazione di Editoriale Campi, e Maria Rosaria Fiorelli, delegata per l’Ufficio scolastico regionale dell’Umbria. Insieme, tutti i soggetti citati, rappresentano una ‘cordata virtuosa’ che da oltre dieci anni collabora alla realizzazione e distribuzione del ‘Calendario Barbanera’ e ‘Piccolo Barbanera’, presentati appunto in questa occasione.

“Due strumenti – ha dichiarato Marchini – che nel tempo si sono dimostrati validi mezzi di promozione e informazione di massa. Con il calendario, infatti, entriamo dentro le case non solo umbre ma di tutta Italia, portando il messaggio della donazione del sangue e dell’educazione alla solidarietà, dai più piccoli ai più grandi.

“I servizi sono sofferenti – ha affermato Marchini –, sia in personale sia in attrezzature le quali a volte, là dove ci sono, non sono utilizzate al meglio.

Non esiste ancora una banca dati regionale unica, non è ancora sistematica l’apertura domenicale e pomeridiana dei servizi, non viene ancora praticata la ‘prima donazione differita’: le Direzioni generali raramente hanno ascoltato e considerato le proposte dell’Associazione e questa spesso non è nelle condizioni di rendere un servizio migliore, credibile e affidabile”.

“Il Piano regionale sangue e plasma – ha continuato Marchini – scade tra qualche giorno e ancora non si è attivato alcun tavolo per valutare quanto è stato realizzato e quanto c’è da fare. Abbiamo chiesto di incontrare sia la presidente della Giunta regionale sia l’assessore alla tutela e promozione della salute, ma non abbiamo ancora alcuna risposta”.

“Il prossimo anno sarà celebrata a Perugia la 85esima Assemblea generale nazionale dell’Avis – ha aggiunto Petrelli – e l’Italia ospiterà la Giornata mondiale del donatore di sangue, anche queste iniziative che dovranno sensibilizzare non solo i cittadini, ma anche i governi e i servizi sanitari affinché adottino politiche di promozione e difesa del dono volontario, non retribuito, periodico, associato, responsabile e anonimo”. Anche l’Ordine dei giornalisti dell’Umbria, è stato annunciato, promuoverà giornate formative per i propri iscritti in collaborazione con Avis Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*