Coronavirus, medici ‘zona rossa’ per Covid-19 non si sentono tutelati 🔴 VIDEO


Scrivi in redazione

Coronavirus, medici 'zona rossa' per Covid-19 non si sentono tutelati
Giulio Franceschini

Coronavirus, medici ‘zona rossa’ per Covid-19 non si sentono tutelati

(DIRE) Medici di Medicina Generale, pediatri di libera scelta, medici di continuita’ assistenziale, che, per poter continuare a fare ricette nonostante la quarantena, si sono chiusi negli ambulatori, dove vivono e dormono. Medici ospedalieri costretti a turni di trenta e piu’ ore perche’ non si trovano i sostituti. E questo, mentre i dispositivi individuali di protezione mancano o scarseggiano. Intanto, il numero unico 112 risulta intasato e le risposte arrivano dopo quattro ore. Accade nel Lodigiano, a Codogno e negli altri centri che fanno parte della ‘zona rossa’ per Covid-19.



A denunciare la situazione, il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici – Fnomceo, Filippo Anelli, che e’ in contatto costante con i colleghi sul campo. “Ringrazio tutti i medici, gli infermieri, i collaboratori di studio, che con dedizione veramente eroica stanno sostenendo la rete di assistenza in questa situazione che, per quanto riguarda le condizioni di lavoro degli operatori, non esito a definire drammatica” afferma Anelli.

Che annuncia: “Questa mattina scrivero’ una lettera al Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, chiedendogli di mettere in sicurezza i professionisti”. “È assolutamente necessario che la Regione fornisca ai medici e agli operatori i dispositivi individuali di protezione- conclude- Se i medici si ammalano, o comunque vengono messi in quarantena, non possono piu’ garantire l’assistenza ai cittadini. Viene quindi messo in pericolo quel diritto alla tutela della Salute, individuale e collettiva, che dalla nostra Costituzione siamo chiamati a garantire”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*