Boris Johnson, ‘variante Delta Covid molto preoccupante’

E' chiaro che la variante indiana sia più trasmissibile ed è anche vero che stanno aumentando i casi

 
Chiama o scrivi in redazione


Boris Johnson, 'variante Delta Covid molto preoccupante'

Boris Johnson, ‘variante Delta Covid molto preoccupante’

La diffusione della variante Delta del Covid è questione “molto preoccupante”. Lo ribadisce Boris Johnson, intervistato da Sky News a margine del vertice del G7, dicendosi, a causa del nuovo aumento dei contagi che si sta registrando dall’inizio del mese, “meno ottimista” di quanto fosse a fine maggio riguardo alla pandemia.

“E’ chiaro che la variante indiana sia più trasmissibile ed è anche vero che stanno aumentando i casi ed i livelli di ospedalizzazione – ha detto – non sappiamo esattamente fino a che punto questo comporterà nuovi decessi, ma è chiaramente una questione molto, molto preoccupante”.

Riguardo al rinvio di quattro settimane della data della fine delle restrizioni inizialmente fissata per il 21 giugno, Johnson ha detto che ancora non ha finalizzato la decisione: “vogliamo essere sicuri che la road map delle riaperture sia irreversibile, ma non può esserlo a meno che non procediamo con cautela – ha concluso – vi sono ancora alcuni dati da analizzare, annunceremo la decisione lunedì”.

Secondo Bbc il governo valuta rinvio quattro settimane rispetto data 21 giugno, annuncio lunedì
“Se guardiamo ai dati oggi, di nuovo abbiamo un aumento dei ricoveri, un aumento dei casi, bisogna avere cautela”. E’ quanto afferma Boris Johnson, parlando alla Bbc a margine del vertice del G7, confermando che il governo intende “essere cauto” nel decidere se mettere fine alle restrizioni del Covid il prossimo 21 giugno, come era stato deciso prima del nuovo picco di casi di Covid dovuto alla variante Delta.

Secondo fonti citate dalla Bbc, il governo sta considerando un rinvio di quattro settimane. Ed un annuncio ufficiale della decisione del governo sui prossimi passi è attesa per lunedì.

 

(Ses/Adnkronos)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*