I Gr.Est. degli Oratori a sostegno concreto alla “ripartenza sociale”

 
Chiama o scrivi in redazione


La Regione Umbria stanzia 220 mila euro per la valorizzazione degli oratori

I Gr.Est. degli Oratori a sostegno concreto alla “ripartenza sociale”

«Un sostegno concreto alla “ripartenza sociale” post-lockdown da Covid-19 viene anche dal mondo degli Oratori attraverso le attività dei “Gr.Est”, i Gruppi estivi, realtà collaudate da anni a sostegno di tante famiglie nella crescita-formazione umana e cristiana dei loro figli». A ricordarlo è don Riccardo Pascolini, segretario nazionale del Forum degli Oratori Italiani (FOI) e responsabile del Coordinamento Oratori Perugini (COP) alla vigilia di un significativo incontro tra rappresentanti delle Istituzioni civili e religiose del capoluogo umbro, in programma mercoledì 8 luglio (ore 10), presso la sede dell’Oratorio Anspi “Sentinelle del Mattino” – Parrocchia di San Sisto, che culminerà con la consegna di 10mila mascherine protettive per bambini e ragazzi da parte dell’Afas, l’Azienda speciale farmacie del Comune di Perugia, e avrà inizio con l’inno dei “Gr.Est.” intonato dai bambini presenti.

Gruppi Estivi torna Gr.Est. degli oratori parrocchiali e la Pastorale giovanile
Don Riccardo Pascolini

I partecipanti. All’incontro, a cui parteciperà un delegato per ciascuno dei 24 Oratori perugino-pievesi che svolgono attività durante l’estate, interverranno il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti, il sindaco Andrea Romizi, il presidente Afas Antonio D’Acunto, il direttore generale Afas Raimondo Cerquiglini, il responsabile del COP don Riccardo Pascolini, il direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale giovanile don Luca Delunghi,  il parroco moderatore dell’Unità pastorale di San Sisto-Sant’Andrea delle Fratte-Lacugnano don Claudio Regni e il coordinatore dell’Oratorio “Sentinelle del Mattino” Daniele Rossi.

Il coraggio di ripartire. «In questo periodo di apprensione per come evolverà l’emergenza sanitaria, che coincide con la stagione estiva, di vacanza soprattutto per i ragazzi – commenta don Riccardo Pascolini –, non possiamo non fare sentire la nostra concreta vicinanza alle numerose famiglie i cui genitori lavorano e non sanno a chi lasciare i loro piccoli durante la giornata.

Di concerto con le Istituzioni civili regionali e locali abbiamo deciso di avviare, nel rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid-19, in 24 dei nostri Oratori, ospitando da 50 a 100 minori, le attività dei “Gr.Est.”. Siamo consapevoli che l’impresa non sarà facile soprattutto per i responsabili e gli animatori d’Oratorio chiamati a gestire la situazione con l’aiuto di parroci e loro collaboratori. Ci conforta sentire al nostro fianco la presenza delle Istituzioni civili; Istituzioni che riconoscono da anni, grazie a leggi nazionali e regionali, il valore sociale, culturale e pedagogico-formativo degli Oratori per le nuove generazioni. Anche ricevere in dono 10mila mascherine protettive da parte dell’Afas di Perugia è un segno tangibile di questa vicinanza che ci dà coraggio di ripartire».

Gli Oratori con i “Gr.Est.”. Alcune dei 24 Oratori hanno attivato i “Gr.Est.” dalla seconda metà di giugno, mentre la gran parte lo fa a partire da inizio luglio e in alcuni casi fino alla prima metà di agosto. Si tratta degli Oratori: “Santi Fanciulli” di Città della Pieve; “Don Cesare Farkas” di Monteluce di Perugia; “CSI” di Olmo; “Astrolabio” di Ponte d’Oddi; “CSI” di Ponte Pattoli; “San Felicissimo” di Ponte Felcino e Villa Pitignano; “ProVaCi” di Ponte Valleceppi; “GPII” (Giovanni Paolo II) di Prepo-Ponte della Pietra-San Faustino di Perugia; “Sentinelle del Mattino” di San Sisto-Sant’Andrea delle Fratte-Lacugnano; “Tipiloschi di PIGI” dell’Unità pastorale 2 di Perugia; “Il Dirigibile” di Sant’Egidio-Lidarno; “Spina” di Spina, San Biagio della Valle, Castiglione della Valle e Villanova di Marsciano; “Il Mosaico” di Villa di Magione; “Tiberiade” di Passignano sul Trasimeno, Tuoro e Vernazzano; “Pingo, preferisco il Paradiso” di Case Bruciale, Elce e Sant’Agostino di Perugia; “Piergiorgio Frassati di Castel del Piano, Pila e Bagnaia; “Don Bosco” di Cenerente; “Caterina Bonucci” di Colombella, Piccione, Fratticiola Selvatica, Bosco e Ramazzano; “Sentinelle di Deruta” di Deruta e San Nicolò di Celle; “Centro Studi Don Bosco” dell’Istituto Salesiano di Perugia; “Girasole” di San Mariano e Girasole di Corciano; “Malta” di Madonna Alta di Perugia; “Don Bosco” di Mantignana di Corciano; “O.S.M.A.” di Masciano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*