I consacrati e le consacrate, dice Bassetti, sono doni di Dio per l’umanità

 
Chiama o scrivi in redazione


I consacrati e le consacrate, dice Bassetti, sono doni di Dio per l’umanità

I consacrati e le consacrate, dice Bassetti, sono doni di Dio per l’umanità

«Noi dobbiamo valorizzare più e meglio i grandi carismi che abbiamo attraverso i consacrati e le consacrate». Lo ha detto il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti durante l’omelia della celebrazione eucaristica della Giornata per la vita consacrata tenutasi a Perugia, nella chiesa di San Raffaele Arcangelo, nel quartiere di Madonna Alta, nel pomeriggio del 2 febbraio, animata dal coro diocesano giovanile “Voci di giubilo” e promossa dall’Ufficio per la pastorale vocazionale insieme a Cism e Usmi. Davanti all’altare sono state collocate una icona mariana del monastero delle clarisse di Sant’Agnese, come segno della presenza spirituale di tutte le claustrali, e delle candele, segni della “candelora” e dello stato dei vari “eccomi” presenti nella comunità diocesana.

«Sempre più spesso sento dirvi – ha proseguito il cardinale nell’omelia –: “siamo anziani, siamo anziane, cosa possiamo fare fuorché pregare?”. Ma noi dobbiamo ringraziare Dio per quello che abbiamo. Vi pare poco pregare? La vita di un prete, di un vescovo, di una religiosa, di un consacrato vale meno dal momento che è anziano? Dio non guarda alle vocazioni per quello che producono o per la loro efficienza. Guardate le cose con l’occhio di Dio e per questo devo ringraziarlo per i tanti doni delle vocazioni che ci sono nella nostra Chiesa».

Il presule ha poi tracciato una sorta di “censimento” della presenza attiva della vita consacrata nell’Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve: «Abbiamo trenta congregazioni religiose femminili e cinque comunità monastiche, tre di clarisse, una di benedettine e una di domenicane. Abbiamo anche una decina di donne consacrate nell’Ordo Virginum ed altre nella vita eremitica. Poi abbiamo diciannove famiglie religiose maschili, anche se purtroppo alcune stanno per lasciarci per carenza di vocazioni. Le nostre famiglie religiose maschili sono nella maggior parte francescane, essendo nella terra di san Francesco. Ci sono anche due monesteri, quello benedettino di San Pietro e l’altro con radice certosina, i monaci di Betlemme: in dodici e vivono nell’eremo di Montecorona, che alle due di notte si alzano per pregare per tutti noi, per i ragazzi che a quell’ora sono in discoteca, per chi soffre in carcere, in ospedale…. E quando penso che tutti i giorni del mese c’è una delle trenta congregazioni femminili che prega per i nostri sacerdoti, questi sono grandi doni di Dio per l’umanità».

«Siete tutti e tutte punto di riferimento per la nostra comunità – ha sottolineato il cardinale – anche per i servizi concreti da voi offerti. Pensate all’Ospedale di Santa Maria della misericordia, punto di riferimento per tutta la sanità umbra, dove transitano al giorno dalle 10mila alle 12mila persone e abbiamo quattro frati minori francescani consacrati a questo servizio nel portare conforto a malati e loro familiari nei vari reparti. Come non ricordare le congregazioni impegnate nel settore della scuola e dell’educazione o nell’assistenza a malati e anziani in diverse strutture. E’ una grazia di Dio la vita consacrata e non finiremo mai di ringraziare il Signore per averla donata all’umanità».

            Commentando il Vangelo, il cardinale Bassetti ha esortato i consacrati e le consacrate a seguire Gesù: «La vostra non è una scelta che si fa una volta per tutte, ma è una scelta che si rinnova ogni giorno, altrimenti i vostri entusiasmi diventano come un fuoco di paglia. La vocazione non è un fatto statico, la vocazione è dinamica. Dio ci chiama ad incontrarlo attraverso la fedeltà, la preghiera e la carità, che è la testimonianza concreta delle famiglie religiose».

            Com. stampa a cura di Riccardo Liguori /

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*